Articolo - RareWine Academy

5 Fattori Importanti per lo Sviluppo del Vino

Hai mai considerato quali fattori determinano il sapore del tuo vino? Un articolo per esplorare i 5 fattori principali che influenzano la tua esperienza vinicola.

Ti sei mai chiesta/o quali fattori determinano il sapore del tuo vino? Simpatie e antipatie, come sai, sono spesso legate a diversi fattori come l'atmosfera, l'azienda o anche il bicchiere di vino e possono tutti avere un impatto su come ci appare un vino. Anche prima che il vino arrivi al tuo bicchiere, molti processi hanno influenzato quella che sarà la tua esperienza. La vinificazione è una catena infinita di fattori che possono giocare un ruolo più o meno importante nella percezione finale del prodotto che avrai nel bicchiere. Per creare una panoramica di queste influenze, di seguito troverai una recensione dei cinque fattori complessivi cruciali per l'esperienza di gusto finale.

Uva

Prima di tutto, c'è l'uva. Il vitigno selezionato influisce in modo significativo sul gusto del vino. Sembra semplice, ma è più complesso di così per l'enologo. La prima grande decisione da prendere è quale vitigno scegliere per il campo specifico o se dovranno essere piantati diversi vitigni.

Successivamente, l'enologo deve scegliere quali cloni di una certa uva vuole usare. Un clone è un ulteriore sviluppo di una varietà specifica. Quando scegli un clone, puoi scegliere, tra le altre cose, se vuoi un'alta resa, un'alta concentrazione di frutti tropicali nel vino o qualcosa di completamente diverso. Il clone stesso è essenziale in termini di qualità e quantità. In molti casi, il vitigno, o varietà, sarà deciso in anticipo a causa delle tradizioni storiche e delle regole della zona specifica. In Europa, spesso ci saranno regole per ciò che può essere piantato e dove.

Esempio: se scegli di piantare Chardonnay, avrai l'opportunità di produrre vino bianco. L'uva offre molte opportunità sia in vigna che in cantina. Può funzionare sia con rese alte che basse, e in cantina puoi lasciarlo essere influenzato dallo stoccaggio in botte o meno. Se, invece, si sceglie un’uva aromatica come Riesling, è necessario più lavoro in vigna per preservare la freschezza dell'uva e in cantina, la conservazione in botte non sarà un'opzione in quanto è necessario preservare il maggior carattere di uva possibile.

Vitis vinifera è la specie d’uva più diffusa nella produzione vinicola Vitis vinifera è la specie d’uva più diffusa nella produzione vinicola

Origine

Come se la scelta dell'uva non bastasse, l'origine stessa è un intero capitolo per l'enologo. Qui giocano un ruolo anche sotto-aree, suolo, altitudine, pendenza e terroir.

Soprattutto il terreno è un fattore chiave, in quanto ciò influisce su come la vite cresce e si sviluppa. Si discute molto se il terreno possa influenzare direttamente il gusto. Ancora più importante, tuttavia, il terreno deve avere la giusta composizione di roccia, ghiaia e sabbia. La giusta composizione consente al terreno di aggrapparsi all'acqua quando è asciutto, ma anche liberarsene quando piove troppo. Oltre a questa funzione, ci devono essere piccole quantità di sostanze nutritive nel terreno per la vite.

Il posizionamento del vigneto su un pendio consente una migliore esposizione al sole, che dà una migliore maturazione nelle uve. Più in alto è posizionato il vigneto sul pendio, più fredda sarà la temperatura.

Di solito, i vigneti giacciono in una cintura intorno alla terra, che va da 30 a 50 gradi di latitudine. Qui il clima è generalmente adatto alla viticoltura. Ci possono essere eccezioni a questo se ci sono correnti calde o qualsiasi altra cosa che entra in gioco. La temperatura più fredda si traduce in più acido e meno zucchero nelle uve. Più caldo è il vigneto, più colore e tannino ci saranno nel vino.

Terroir è un termine collettivo che tiene conto approssimativamente di tutto, il che ha un impatto su come viene coltivato il vino. Ciò include ore di sole, temperatura, minerali e sostanze nutritive nel terreno, così come molte altre piccole cose. Soprattutto in Francia, terroir come termine è molto diffuso.

Esempio: se un vigneto si trovasse nell'emisfero settentrionale, l'enologo dovrebbe cercare un posto con un pendio rivolto a sud-est. Ciò garantirà alle viti un angolo ottimale al sole al mattino, in modo che le uve possano ottenere una maturazione desiderabile.

Clima e Meteo

Se il clima è ciò che ti aspetti come viticoltore, allora il tempo è ciò che la stagione dà al viticoltore - cioè ciò che Madre Natura generosamente dà all'individuo. Non ci sono due vitigni uguali, e quindi ogni vitigno necessita di condizioni climatiche diverse per prosperare in modo ottimale.

Come regola generale, il luogo ottimale per coltivare l'uva è tra i 30 e i 50 gradi di latitudine. All'interno di questa gamma, le regioni vinicole sono approssimativamente divise in tre diverse zone climatiche: fredda, moderata e calda. Alcune uve, come il Riesling e il Pinot Nero, rendono meglio in climi relativamente freddi, mentre altre uve, come Grenache e Primitivo, hanno bisogno di un clima caldo, in climi moderati, invece, uve come Merlot e Cabernet Sauvignon matureranno in modo ottimale.

Ogni singolo vitigno deve crescere in una zona climatica in cui riceve abbastanza calore, ma nemmeno troppo. Spesso l'enologo funzionerà nella zona marginale dove possibile. Pertanto, il tempo finisce per svolgere un ruolo importante nello sviluppo del vino.

Gli anni in cui il tempo è perfetto dall'inverno, alla primavera e fino all'estate, si ottiene una buona vendemmia con uve ottimali e mature. Nelle vecchie regioni vinicole classiche d'Europa, c'è una variazione d'annata molto maggiore. Nel "nuovo mondo", ci sono meno instabilità, e tempo molto più stabile. Le condizioni climatiche rendono anche i vini provenienti da Cile, California e Australia da annate buone a annate eccellenti. In Europa, stiamo passando da annate estremamente brutte con uve acerrime ad annate paradisiache, dove Madre Natura è generosa e il sole, la luna e le stelle hanno ragione.

Esempio: le annate 2014 e 2015 in Borgogna, ad esempio, sono molto diverse. Il 2014 ha offerto una temperatura media inferiore rispetto al 2015, e oggi i vini del 2014 appaiono magri, eleganti e senza il grande corpo. Il 2015 è stato più caldo e i vini sono più pieni e scuri. Alcuni preferiranno la versione elegante, altri preferiranno l'annata più densa e potente - e questo sarà sempre il caso del gusto e del piacere.

Il Vigneto

Il vigneto, e in particolare il lavoro in vigna, sono fondamentali durante tutto l'anno. La maggior parte dei viticoltori può essere d'accordo sul fatto che il buon vino viene prodotto sul campo. Un vigneto è un organismo vivente in cui si devono tenere conto di molte considerazioni e si devono prendere sempre decisioni a lungo termine. Spesso un cambiamento nel vigneto richiederà fino a 10 anni prima di poter essere misurato nel vino finale.

Una delle principali decisioni che l'enologo deve considerare è se vuole coltivare la sua vigna secondo principi convenzionali, biologici, biodinamici o altri principi sostenibili. Tale decisione richiede molti anni per essere incorporata nel vigneto ed ha un impatto diretto sia sulla quantità di raccolto, sia sull'ubicazione del vino sul mercato. Negli anni in cui c'è molta pioggia, potrebbe essere necessario spruzzare in modo da poter garantire un raccolto decente. I migliori produttori, tuttavia, vogliono spruzzare il meno possibile e garantire uve il più sane e pulite possibile.

Soprattutto la resa alla fine è cruciale. Già quando l'inverno annuncia il suo arrivo, deve essere presa una decisione sulla potatura delle viti. La potatura aiuta sia a determinare la quantità di un’annata, che certamente anche la qualità.

Durante la stagione di crescita, molte cose accadono in vigna, e il viticoltore dipende dall'avere le persone giuste per potare e legare. Solo questo assicura che le uve ottengano la maturazione ottimale.

Per sua stessa natura, anche il raccolto stesso - e la tempistica di questo - è cruciale. Si sente spesso dire che la raccolta manuale è la migliore, ma nelle aree in cui c'è carenza di manodopera, una macchina da raccolta può garantire che le uve vengano raccolte al momento giusto. Quando si utilizza una macchina da raccolta, le uve devono essere smistate un po' di più all'arrivo in cantina. Ottenere le uve in cantina quando c'è una maturità ottimale è fondamentale per la qualità del vino alla fine. A questo punto, previsioni meteorologiche affidabili sono uno strumento importante che l'enologo spesso guarda.

Esempio: nel 2016, la stagione in Borgogna è iniziata sia con il gelo che con la grandine. Ciò ha causato un alto grado di umidità nei vigneti, causando un'ondata di muffa che prospera in climi umidi, che hanno distrutto l'uva. I produttori di vino biologico hanno dovuto scegliere qui se volevano spruzzare e rimuovere la malattia, o non spruzzare e quindi mantenere la loro certificazione come biologica. Anche se diversi produttori hanno scelto di spruzzare, significava per molti che oltre il 50% del raccolto è stato perso nei campi peggiori infestati.

La Cantina

La cantina è il luogo dove avviene la magia, ma non è ancora possibile elevare la qualità delle uve cattive. Tuttavia, è qui che si possono esprimere buone uve nel modo più ottimale - e questo crea la "magia". L'enologo deve fare molte scelte una volta risolte le uve peggiori. I fattori più importanti in questo processo sono sia la fermentazione che la conservazione del vino.

Durante la fermentazione, l'enologo può scegliere di utilizzare il lievito della natura che cresce sulle uve o scegliere di utilizzare una coltura di lievito puro. Il lievito naturale sarà la scelta ovvia per molti, ma può causare problemi con fermentazioni distorte che si traducono in aromi sbagliati nel vino. Nel migliore dei casi, tuttavia, il lievito naturale può gestire tutta la fermentazione, e può quindi creare un vino ottimale con perfetta complessità. Per utilizzare questo metodo, l'enologo deve conoscere al minimo dettaglio le sue uve e la sua cantina.

Il lievito culturale, che è anche naturale, ha altri benefici. Il lievito culturale non è l’unica opzione, ma può essere una delle tante soluzioni. L'enologo potrebbe aver selezionato uno dei suoi ceppi di lievito ed averlo fatto affinare. In questo modo, sa esattamente cosa sta succedendo nel serbatoio di fermentazione. Ha anche la possibilità di scegliere tra diversi ceppi di lievito, ognuno con i propri attributi. In questo modo, l'enologo può ottenere un lievito che si comporta esattamente come vuole e tira fuori gli aromi che vuole dalle uve.

L'uso di botti di rovere è un altro fattore significativo. La fermentazione in botte conferisce immediatamente la maggior parte del sapore di botte al vino. Se il vino viene conservato in botti, le botti più giovani è buono sapere che rilasciano più sapore e tannino di una botte più vecchia. Tuttavia, sia le botti giovani che vecchie esporranno il vino ad una micro-ossidazione che aiuta a completare il tannino e l'acido nel vino.

Alla fine, resta solo da decidere quando il vino debba essere inviato sul mercato. Per il produttore molto attento alla qualità, si tratta di quando ha il sapore migliore. Per altri, è meno importante, poiché il consumatore sa che il vino deve essere conservato per molti anni prima di poter essere aperto.

Esempio: Se l'enologo desidera fare un potente vino bianco a base di uve Chardonnay, con molte note di quercia può fare quanto segue: ottenere le uve completamente mature per la cantina, fare una fermentazione su botte a temperatura relativamente alta, il che estrae molto sapore dalle uve e dà grasso al vino. Quindi un invecchiamento in botte per 12 mesi può aggiungere ulteriore complessità. Il vino sarà quindi pronto per essere commercializzato quando si sarà calmato in bottiglia dopo l'imbottigliamento.

Botti di vino di Bordeaux Botti di vino di Bordeaux

Per Riassumere

I 5 fattori di cui sopra sono cruciali per come si sviluppa il vino, e quindi anche di importanza cruciale per il vino che hai nel bicchiere. Inoltre, ci sono anche diversi fattori esterni che svolgono un ruolo piccolo (ma non insignificante) nella percezione del singolo vino. È noto che l'esperienza sensoriale completa di un bicchiere di vino viene migliorata se, ad esempio, sei in buona compagnia, hai assaggiato un vino in vacanza in un ambiente rilassante o semplicemente lo fai servire nel bicchiere giusto con la giusta temperatura, che può esaltare le note del vino.

Infine, non dobbiamo dimenticare che simpatie e antipatie sono diversi, ed è esattamente ciò che è così sorprendente del vino che tutti amiamo e ammiriamo. Pertanto, la tua esperienza di un vino può essere vera come la percezione di tutti gli altri dello stesso vino. Ma prima che il vino arrivi fin qui, ci sono i 5 fattori di cui sopra, così come molti altri che hanno influenzato lo sviluppo del vino e quindi la tua esperienza.

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile