Articolo - RareWine Academy

Cambiamenti Climatici, Riscaldamento Globale & Produzione Vinicola

Il cambiamento climatico sta influenzando i vini che conosciamo oggi a tal punto che tra 20 anni l'intero mondo del vino potrebbe sembrare molto diverso. Sfida ai produttori.

I vini che conosciamo oggi sono coltivati in zone con un clima relativamente stabile, al quale uva e metodi si adattano. Se il riscaldamento globale continuerà e vedremo aumentare le temperature nella stessa misura di oggi, allora avrà un impatto su dove l'uva potrà essere coltivata. I vini coltivati nelle condizioni attuali saranno probabilmente più ricercati di quanto non lo siano oggi. Di seguito puoi avere un'idea migliore di cosa significhino i cambiamenti climatici per il vino che hai nel bicchiere.

In Che Modo il Cambiamento Climatico Influisce sul Vino

Il cambiamento climatico è indiscutibile, e non ultimo il riscaldamento globale. Ciò ha certamente una grande influenza sulla produzione di vino nelle zone classiche. Può essere qualsiasi cosa, dal cambiamento della frequenza della pioggia alla grandine, al gelo più avanti nella stagione. Ad esempio, negli ultimi anni diverse grandinate sono state causa del danneggiamento (e decimazione) di uva e viti in Borgogna, Piemonte e Bordeaux. Ci sono molte indicazioni che il tempo sarà anche più estremo in futuro e questo è il tipo di sfide che i viticoltori si trovano a dover affrontare già in questi anni.

Di Cosa Ha Bisogno la Vite per Produrre Uva?

  • Molto sole e calore danno zucchero all’uva, che viene poi convertito in alcol.
  • Una lunga stagione di crescita fornisce un accumulo ottimale di complessità nel sapore dell’uva.
  • La giusta quantità di sole per un lungo periodo di tempo, che fornisce il giusto equilibrio tra zucchero e acidità nelle uve.
  • La giusta quantità di acqua fa sì che la vite cresca senza annegare.
  • Una temperatura più fredda del normale porterà a vini con maggiore acidità, zucchero inferiore e aromi di sapore acerbo.
  • Temperature più calde del normale porteranno a vini con acidità inferiore, zucchero più alto e aromi di frutta cotta troppo matura.

In quest'ottica, è ovvio che il cambiamento climatico pone i viticoltori di fronte a molte sfide. L'aumento delle temperature nella maggior parte delle regioni vinicole europee ha costretto i produttori a considerare di tutto, dai vitigni alla potatura.

Vitigni, Cloni e Portinnesti

È essenziale dare un'occhiata più da vicino alla vite per comprendere meglio le scelte e le opportunità che l'enologo affronta. La vite fa parte del genere vitis, che ha diverse specie. La specie che conosciamo meglio è Vitis Vinifera. In questa specie, troviamo tutti i vitigni che conosciamo dalla produzione vinicola, da Riesling a Syrah. I diversi vitigni dipendono da diverse quantità di calore, luce, acqua e sostanze nutritive dal terreno. Naturalmente saranno piantati in climi diversi e con risultati diversi.

Associati al concetto dei tipi di uva, i viticoltori si concentreranno seriamente anche sulla sottodivisione dei cloni. Un clone è lo sviluppo di un tipo di uva, quindi l’attenzione diventa persino maggiore. Un clone può svilupparsi naturalmente sul campo come mutazione della varietà, o può essere coltivato. Ciò che l'enologo deve considerare è che un clone può fornire quantità e un altro clone della stessa varietà può dare più aromi di frutta nera.

Spesso l'enologo sceglierà un clone, o cloni, a seconda del tipo di vino che vuole produrre nel terroir che ha a disposizione. Alcuni cloni sono più resistenti alle temperature più calde di altri. All'interno di un vitigno come il Pinot Nero, ci sono cloni in grado di resistere al calore in California e quelli che possono maturare in climi più freddi, come in Germania.

Una volta selezionato il vitigno e il clone, l'enologo deve anche selezionare il portinnestro della vite. Nel 1860, il parassita del vino Phylloxera, un insetto che attacca le radici delle piante di Vitis Vinifera, arrivò in Francia. Quando i viticoltori si resero conto che il parassita proveniva dagli Stati Uniti, si potettero trovare radici resistenti all'insetto. Negli Stati Uniti, lavorano con altre specie, tra cui l'uva da tavola, che non appartengono al genere Vitis Vinifera.

I due più noti sono Vitis Labrusca e Vitis Riparia. Queste varianti si sono dimostrate resistenti al parassita del vino Phylloxera, motivo per cui hanno scelto di innestare le vecchie varietà sopra i portinnesti americani. In realtà, è il motivo per cui i vigneti europei sono vivi fino ad oggi. Da allora, il parassita del vino Phylloxera si è diffuso in gran parte del mondo, quindi è normale usare radici americane e varietà tradizionali Vitis Vinifera in cima.

Vitis Vinifera è la specie più comune nella produzione vinicola Vitis Vinifera è la specie più comune nella produzione vinicola

Quali Opzioni Ha L'Enologo per Combattere il Cambiamento Climatico?

In un contesto climatico, la situazione diventa particolarmente interessante perché i viticoltori hanno imparato a distinguere tra i diversi portinnesti e la loro adattabilità. Oggi, i viticoltori sanno quali portinnesti possono gestire più o meno umidità nell'aria e nel suolo per fornire un numero sufficiente di uva. Alcune varietà sono più resistenti quando fa più caldo e altre più resistenti alle malattie delle piante.

Quindi, sulla base di tutto questo, i viticoltori devono scegliere i vitigni giusti, i cloni di questi, così come i giusti portinnesti. Queste scelte devono essere fatte in base alle condizioni prevalenti nella loro zona oggi e in base al cambiamento climatico che prevedono nei prossimi anni.

Questi sono solo alcuni degli ostacoli che i viticoltori affrontano quotidianamente. Un'altra cosa che possono considerare in breve tempo è il controllo della chioma, dove controllano le foglie intorno all'uva. Molto sole può essere eccellente, ma troppo sole può essere nocivo.

Scottature Solari e Incendi
Negli ultimi anni durante la stagione di crescita, la Borgogna ha visto aumentare le temperature e il numero di ore di sole. Durante una visita al produttore di culto Christophe Roumier, Christophe ha detto che il 1998 è stato il primo anno in cui hanno sperimentato scottature solari sull'uva. Da allora hanno dovuto riconsiderare quanto fogliame dovevano tenere per assicurare la corretta ombreggiatura. In precedenza, tutte le foglie erano state rimosse in modo che l'uva potesse prendere più sole possibile. Oggi, le foglie vengono potate per coprire le uve, per evitare che queste prendano troppo sole.

Nessuno può prevedere il futuro, ma uno scenario probabile, se la temperatura continua a salire, è che molti vitigni si sposteranno a una buona distanza dall'Equatore rispetto a quello a cui ci siamo abituati.

Sarà anche interessante vedere come sarà la situazione in California in termini di produzione vinicola. In questi anni combattono gli incendi quasi ogni anno, il che distrugge sia vigneti, che cantine e case.

Come gli Investitori in Vino Sono Influenzati dai Cambiamenti Climatici

Come investitore vinicolo con un portafoglio di Champagne, Borgogna e alcune buone bottiglie del Piemonte e della Napa Valley, sei ben coperto in un mercato futuro. Questi vini hanno storicamente contribuito a stabilire lo standard e, se il cambiamento climatico continuerà come adesso, questi vini non saranno prodotti alle stesse condizioni negli anni a venire.

Ciò può avere un enorme impatto sugli investimenti nel settore vitivinicolo. I vini che conosci e apprezzi oggi potrebbero scomparire domani. Sulla base di questo possiamo presumere che i vini classici delle migliori aree continueranno ad aumentare di valore nei prossimi decenni.

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile