Articolo - RareWine Academy

Henri Jayer: Il Re Indiscusso del Vino Borgogna

Il suo approccio profondamente appassionato alla vinificazione ha collocato Henri Jayer tra l'élite assoluta del mondo del vino. Signore e Signori, eccovi il maestro…

Lo Status Leggendario di Henri Jayer, Costruito su Perfezionismo e Diligenza

Henri Jayer proveniva da origini relativamente umili e tuttavia è riuscito a costruirsi un nome alla pari dei più grandi nomi del meraviglioso universo del vino. Non è stato né un vino da 100 punti né una grande degustazione che ha portato Jayer in vetta. No, è stata la pura dedizione in vigna e la produzione controllata di vini favolosi in perfetto equilibrio a creare il suo percorso verso lo status di leggenda. 

Jayer aveva una filosofia personale radicata nella convinzione che il vino non dovesse essere avvolto in cotone idrofilo. Era irremovibile nel lasciare che la natura prendesse il suo corso. In effetti, era convinto che non si possano sostituire artificialmente elementi nel vino che non ci sono fin dall'inizio. Ecco perché Jayer ha messo tutta la sua energia nella produzione di uve di alta qualità per la vinificazione da viti di oltre 50 anni. Questa filosofia è poi riuscita a portare Jayer in cima. 

Henri Jayer è morto nel 2006 dopo essersi ufficiosamente ritirato diversi anni prima. Tuttavia, ha continuato a lavorare sia in vigna che in cantina con suo nipote Emmanuel Rouget fino alla fine.

La Strada Verso lo Status di Re Indiscusso della Borgogna

Henri Jayer è nato nel 1922 ed è cresciuto in Borgogna nel comune di Vosne-Romanée. Ha vissuto lì fino a quando si è laureato in enologia presso l'Università di Digione nel 1940. Quando tornò a Vosne-Romanée durante la seconda guerra mondiale, aiutò dove poteva. Al Madame Noirot-Camuzet trovò un lavoro a tempo indeterminato, dove firmò un cosiddetto contratto di metayage. Ciò significava che, fosse lui a produrre il vino, il prodotto finito veniva condiviso. Per molti anni, questo è stato il modo in cui Henri Jayer ha prodotto la maggior parte del suo vino. 

Negli anni successivi, tuttavia, la famiglia Camuzet iniziò a produrre vino da sola, quindi alcune delle parcelle passarono a Meo-Camuzet, con Henri Jayer che aiaiò la produzione. Fin dall'inizio, Henri Jayer aveva un occhio particolarmente attento per le parcelle della famiglia Camuzet a Richebourg e l'allora “inutile” tenuta di Cros Parantoux, che finì per svolgere un ruolo da protagonista nella sua fama mondiale. Nel corso degli anni, Henri Jayer acquistò piccoli appezzamenti dalla famiglia, realizzando alcuni vini insieme alla famiglia e altri sotto il proprio nome.  

Henri Jayer: Re indiscusso della Borgogna nel suo elemento, la vigna Henri Jayer: Re indiscusso della Borgogna nel suo elemento, la vigna

Henri Jayer ed il Potenziale Insoddisfatto

Il vigneto Cros Parantoux si presentava in condizioni miserabili e richiese un sacco di duro lavoro per portarlo all'alto livello che Jayer si aspettava da esso. 

Ottenere vino decente da quel vigneto era difficile e complicato – ci voleva troppo tempo e la resa era troppo piccola. Fortunatamente, tuttavia, Jayer riuscì ad intravederne il potenziale. Cros Parantoux è la terza perla su una corda che inizia con Romanée-Conti, passa per Richebourg ed arriva a Cros Parantoux. 

Nel 1951 Henri Jayer acquistò un piccolo pezzo di Cros Parantoux, e nel 1953 un altro da Madame Noirot-Camuzet. Con grandi quantità di dinamite e tantissimo olio di gomito, Jayer rese la terra utilizzabile, in modo che nel 1953 potesse piantare le sue prime viti. E per fortuna. Nel 1997 acquistò l'ultimo pezzo di vigneto, portando il totale delle sue aziende a 0,72 ettari.

L'Essenza di Henri Jayer

Nel corso degli anni, Jayer coltivò la quota di Camuzet del campo di Cros Parantoux e ricevendo la metà della produzione come pagamento. C'è stata qualche ambiguità su dove e quando quali parcelle sono state la base per i vini di Jayer. Complessivamente, il campo è costituito da tre lotti, e oggi Meo-Camuzet ne possiede uno ed Emmanuel Rouget gli altri due. 

Dopo molti anni di nuove piantagioni e duro lavoro, Jayer era finalmente pronto a rilasciare la sua prima annata di Cros Parantoux nell'annata 1978, e ricevette piena attenzione positiva fin dall'inizio. Ed è stato proprio questo vino, meritatamente, la spina dorsale della reputazione mondiale di Henri Jayer. 

Si dice che se lo assaggi solo una volta, non lo dimenticherai mai. In una buona annata, vengono prodotte appena 4.000 bottiglie di Cros Parantoux.

Henri Jayer in Vigna e Cantina

Henri Jayer non ha rivoluzionato il mondo della vinificazione in quanto tale, ma è riuscito a perfezionare varie tecniche che collettivamente hanno portato i suoi vini a livelli altissimi. Oggi, si dice che alcuni produttori siano della "scuola Jayer", seguendo molti dei suoi principi.

Nel vigneto, Jayer era un grande sostenitore delle uve maturate in modo ottimale, e solo il meglio trovava la sua strada verso la cantina. Tutte le viti venivano potate e trattate a mano, il che sottolinea ulteriormente l'approccio perfezionista di Jayer alla vinificazione. 

Tutte le uve venivano smistate prima alla vendemmia e di nuovo all'arrivo in cantina. In cantina, Jayer è stato forse uno dei primi a introdurre la pre-fermentazione a freddo, che estrae colore ed estratto dalle uve prima che inizino a rilasciare tannini durante la fermentazione alcolica. 

Inoltre, tutte le uve venivano diraspate al 100%, contrariamente alle tendenze della zona di oggi. Nel complesso, questo ha prodotto i tannini morbidi e succosi che caratterizzano i vini di Jayer. Naturalmente, tutti i vini venivano fermentati solo con i propri lieviti naturali e non filtrati all'imbottigliamento. Le fermentazioni non venivano mai affrettate ma veniva loro lasciato tutto il tempo necessario ad ottenere i migliori risultati. 

La casa di Henri Jayer in tipico stile borgognone  La casa di Henri Jayer in tipico stile borgognone

Cros Parantoux – Qualità Grand Cru con Premier Cru sull'Etichetta

"Even God did not anticipate such Pinot Noir when he invented the variety." (Anche Dio non ha previsto un tale Pinot Nero quando ha inventato la varietà) Neal Martin sull'annata 1993 di Cros Parantoux.

Il vigneto Cros Parantoux è di 1,01 ettari e oggi è considerato il miglior vigneto Premier Cru in Borgogna. Questo si basa esclusivamente sui vini che Henri Jayer ha prodotto qui dal 1978 fino al 2001, che è stata la sua ultima annata nella tenuta. Le ultime annate di Cros Parantoux costano facilmente +€ 30.000 a bottiglia (esclusi dazi, IVA e tasse), il che sottolinea solo la qualità dei vini di Jayer. 

Inoltre, nel 1990 Jayer ha venduto una cassa di 12 bottiglie di Cros Parantoux del 1985 per soli € 300. Nel 2016, una scatola simile è stata venduta all'asta per poco meno di € 250.000. 

Oggi, la tradizione è portata avanti da suo nipote Emmanuel Rougot, che è stato preso sotto l'ampia ala vinicola di Henri Jayer. La qualità dal campo è ancora assolutamente imprescindibile. L'ultima parte del vigneto è ora di proprietà e coltivata da Meo-Camuzet, che è responsabile di alcuni dei vini più ricercati della Borgogna. 

Da Nuits-Saint-Georges a Richebourg Grand Cru

Per Henri Jayer, non si è mai trattato di diventare il più grande produttore della Borgogna. Voleva solo ottenere il massimo possibile dalle piccole parcelle che aveva a disposizione. Anche i suoi metodi in vigna e in cantina richiedevano grande attenzione, il che significava che il volume di vino nel corso degli anni rimaneva piccolo. 

In una buona annata, ben oltre 10.000 bottiglie sono arrivate al mercato dal maestro, quindi le poche bottiglie ancora sul mercato sono salite a prezzi astronomici. Dalla morte di Jayer, le sue bottiglie sono diventate così ricercate che in realtà ci sono molti falsi in circolazione. 

A modo loro, i vini di Henri Jayer rappresentano un punto di riferimento per ciò che molti altri produttori vogliono dai loro vini della Borgogna oggi. Oltre ai già citati Cros Parantoux, Henri Jayer ci ha regalato i seguenti vini: 

Grand Cru Eccezionale da Echézeaux

Echézeaux è uno dei due vini Grand Cru della gamma Jayer. Un vino in cui Jayer ha beneficiato di diverse parcelle in vigna, permettendogli di sfruttare i diversi tipi di terreno per produrre un vino con una buona complessità ed equilibrio.

Vino Potente da Richebourg

Richebourg è il secondo dei due vigneti Grand Cru di cui Jayer era in possesso. Di questo Grand Cru possedeva solo 0,3523 ettari, divisi in due piccoli appezzamenti. Da qui Jayer produceva circa un barile per annata, il che equivale a ca. 3.000 bottiglie. L'annata 1987 è stata l'ultima annata prodotta qui da Jayer, ed è quasi impensabile trovare una bottiglia di vino Jayer di Richebourg per meno di € 25.000 esclusi dazi, IVA e tasse.

Entrambe le parcelle si trovano direttamente adiacenti a Cros Parantoux, nel punto in cui i due vigneti si incontrano. A Richebourg, tuttavia, il terreno è leggermente più profondo prima che appaia lo strato sassoso. Il calcare extra, sciolto conferisce un po' più di finezza e profondità ai vini. Questo era chiaramente il più potente dei vini prodotti da Jayer.

Vosne-Romanée Les Brûlées Premier Cru

Vosne-Romanée Les Brûlées è forse il più stabile nel corso degli anni da Henri Jayer, secondo coloro che hanno assaggiato una vasta gamma di vini della leggenda. È un vigneto che si trova in una posizione ottimale nell'estensione di Richebourg. L'ultima annata da qui è stata il 1987, prima che il pacco passasse a Meo-Camuzet.

Vino Elegante da Vosne-Romanée Les Beaumonts

"Bere Beaumonts è sempre un grande piacere" Emmanuel Rouget. La maggior parte dei vini di Henri Jayer sono stati prodotti in quantità infinitamente piccole, e questo premier cru non fa eccezione. L'intero campo si estende su 11,3 ettari, di cui Jayer ne possedeva 0,23 ettari. Da qui forniva vini eleganti con tannini equilibrati. Stilisticamente, questo e Les Brûlées non sono molto distanti nel gusto.

Village Vosne-Romanée

Questo è il classico villaggio di Vosne-Romanée, il villaggio in cui Henri Jayer visse e crebbe. Questo vino era, normalmente, una miscela degli “avanzi” delle sue parcelle migliori o quando Jayer non pensava che la qualità delle sue parcelle migliori fosse abbastanza buona da imbottigliarne il prodotto con Premier Cru sull'etichetta. 

Il vino Cros Parantoux di Jayer è stato considerato abbastanza buono da essere rilasciato per la prima volta con l’annata 1978. Fino ad allora, il vino era incluso in questo vino village.

Nuits-Saint-Georges Les Meurgers Premier Cru

Questo è l'unico campo al di fuori del comune di Vosne-Romanée, anche se è solo a breve distanza dal confine tra i due. È un vino di buona intensità ed è molto caratteristico di Jayer. Questa è una bella illustrazione di come il produttore possa quasi superare il comune quando si tratta di Borgogna. 

Villaggi di Nuits-Saint-Georges

Nuits-Saint-Georges è il comune confinante con Vosne-Romanée, ed è, come detto, l'unico posto in cui Henri Jayer era al di fuori della propria sfera. Aveva accesso a due pacchi che non erano classificati come premier cru. Situato in due luoghi diversi, questo ha prodotto un vino con una buona complessità, ma meno finezza rispetto ai vini Vosne-Romanée di Jayer. 

Le bottiglie con il nome di Henri Jayer sono richieste in tutto il mondo e quasi impossibili da reperire. Le bottiglie con il nome di Henri Jayer sono richieste in tutto il mondo e quasi impossibili da reperire.

L'Eredità Continua

Henri Jayer si ritirò nel 2001 e smise ufficialmente di produrre vino. Ma questo non gli impedì di continuare a lavorare nella cantina di suo nipote, Emmanuel Rouget, che oggi produce il vino dai vigneti di famiglia. Ci sono storie che raccontano che per Henri Jayer fu difficile lasciare il lavoro sul campo, e anche il suo lavoro in cantina dovette poi smettere, così da poter consegnare, a tutti gli effetti, le redini a Emmanuel Rouget. 

L'ultima storia arriva dal cortile della fattoria, dove un Henri Jayer già molto malato arriva dopo il raccolto del 2005. Qui chiese di assaggiare tutte le botti della cantina ma non riuscì ad accedervi. Emmanuel gli versò i vini e Henri Jayer sorrise. Nel separarsi, diede a Emmanuel la pace che cercava quando confermò che Emmanuel stava facendo un vino straordinario. Fu così approvato per portare avanti l'eredità.

Oggi Emmanuel Rouget produce il vino dalle parcelle di famiglia, ma molte parcelle sono tornate anche a Meo-Camuzet, inclusa una parte di Cros Parantoux. Non c'è dubbio che nessuno in Borgogna produca vino come Henri Jayer, ma Emmanuel Rouget si avvicina il più possibile al maestro. 

Il Capitolo Finale di Henri Jayer: La Più Grande Asta di Vini Fino ad Oggi

Il 17 giugno 2018, forse il capitolo finale è stato scritto nella leggenda di Henri Jayer. La casa d'aste svizzera Baghera ha messo in vendita le ultime bottiglie della cantina di Henri Jayer. La famiglia ha deciso che era questo il modo migliore di immettere sul mercato le ultime bottiglie e, allo stesso tempo, avere il pieno controllo sui destinatari finali. 

In totale, quel giorno furono vendute 855 bottiglie standard e 209 magnum. Tutte le bottiglie provenivano direttamente dalla cantina e avevano etichette e tappi freschi applicati prima della spedizione. Questo è stato fatto con il massimo amore dal nipote di Henri Jayer, Emmanuel Rouget, e dalle figlie di Henri. Inoltre, tutte le bottiglie sono state dotate della tecnica Profftag in modo che possano essere ricondotte a questa vendita. Come protezione finale, sono stati collocati in nuove casse di legno, realizzate in modo unico per questa asta.  

A questa asta, una cassa di 12 bottiglie di Cros Parantoux è andata sotto il martello e ha raggiunto un prezzo di aggiudicazione di oltre € 500.000. Quando la vendita è stata finalizzata, è stata la più grande asta privata di vini fino ad oggi, con vendite di 34,5 milioni di franchi svizzeri, e ha segnato una fine e più che meritata, alla grande carriera vinicola di Henry Jayer, uno dei più grandi produttori in assoluto in Borgogna di sempre. 

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile