Articolo - RareWine Academy - 5. febbraio 2021

L'Ascesa alla Fama di Bolgheri nel Mondo del Vino

Bolgheri è noto per i suoi grandi vini e alcuni dei migliori produttori di vino italiani. Ornellaia, Sassicaia e Masseto, ad esempio. Scopri la magia di Bolgheri...

C'è qualcosa che sta succedendo in Italia in questi anni, e sembra davvero eccitante. Non solo il vino italiano è classificato tra i primi 10 della lista della borsa del vino britannica, Liv-ex, Power 100 per il 2020 con ben 4 produttori, ma il sottoindice Italia-100 è stato il sottoindice più performante nella borsa del vino inglese nel 2019 e il secondo migliore di tutti nel 2020.

Ottimo vino viene prodotto in tutte e 20 le regioni italiane, ma due in particolare si distinguono quando si parla di vino italiano da investimento. Piemonte, dove si trovano Barolo e Barbaresco, e poi Toscana con il Brunello di Montalcino e Bolgheri come vini leader. L'ultima è particolarmente interessante. Infatti, Bolgheri ospita produttori come Ornellaia, Sassicaia e Masseto, che sono tra i migliori produttori italiani e tre dei pilastri per l’ascesa dei vini italiani nel mercato del vino.

Successo Italiano D’Ispirazione Francese

L'Italia è conosciuta per i suoi oltre 1.000 diversi vitigni locali che impiegano un po´ di tutto: dal Nebbiolo al Sangiovese. L’ultima probabilmente può quasi essere chiamata "uva nazionale" in Italia. Eppure Bolgheri ha tratto ispirazione da Bordeaux. Di conseguenza, gran parte del successo di Bolgheri si basa su classici vitigni francesi a base di Cabernet Sauvignon e Merlot.

La stupenda Bolgheri è una delle regioni vinicole più riuscite d'Italia. La stupenda Bolgheri è una delle regioni vinicole più riuscite d'Italia.

Ai Margini del Mediterraneo

"Gli anziani dicevano che i grandi vini non potevano essere fatti vicino al mare.

Oggi è stato dimostrato che è proprio la vicinanza al mare a regalarci grandi vini."

Prima la geografia. Bolgheri si trova nella parte occidentale della Toscana, 270 km. a nord di Roma e 100 km. a sud-est di Firenze. Qui troverete un terroir molto speciale, dove i vigneti raggiungono quasi il mare come un anfiteatro e sono protetti da montagne con alberi. La zona in cui vengono coltivate le uve per il Bolgheri DOC si estende per oltre 13 x 7 km e varia dai 10 ai 380 metri di altitudine. Quindi qui troverete 1.370 ettari di vigneti.

La posizione vicino al mare offre brezze quotidiane che portano fresco alle uve, il che contribuisce alla freschezza dei vini. Nella zona, questo venticello soffia ben oltre 250 giorni all'anno, il che significa che le malattie derivate da muffa, ad esempio, hanno difficoltà a prendere piede nei vigneti. Con 600 mm di pioggia all'anno e una grande quantità di sole, abbiamo quindi condizioni ottimali per la produzione di ottimo vino. Il terreno offre una grande varietà, dalla sabbia alle grandi rocce – in questa zona si può trovare di tutto! In totale, a Bolgheri sono stati definiti 27 diversi tipi di suolo. I diversi tipi di terreno in combinazione con le differenze di altitudine significano che è possibile lavorare con diverse tipologie di vitigni su un'area relativamente limitata.

Sassicaia ha Spianato la Strada a Bolgheri

Il m è stato l'uomo che ha avuto la visione di fare di Bolgheri una delle principali regioni vinicole italiane. Sposò la contessa Clarice Della Gherardesca nel 1930, con la quale si trasferì a Bolgheri. Nello stesso anno, la sorella di Clarice, Carlotta, sposò Niccolò Antinori, dividendo il dominio più grande della regione tra le due famiglie. A quel tempo, i vini della zona erano poco interessanti, semplici e solo per l'uso quotidiano l'anno successivo al rilascio. Il marchese aveva maggiori ambizioni, tuttavia, poiché aveva un gusto per i grandi vini francesi. Ottenne delle parcelle da un vigneto di Migliarino Pisano, un clone italiano di Cabernet. Questi furono piantati a Castiglioncello di Bolgheri, dove erano protetti dall'influenza del mare. Così facendo, fece i primi piccoli passi verso il Sassicaia che conosciamo oggi, andando contro le tradizioni della regione in cui l'uva Sangiovese aveva già prestato giuramento. Della Rocchetta continuò i suoi esperimenti fino alla fine degli anni '60. Il primo Sassicaia commerciale fu il 1968, rilasciato nel 1972.

Nella zona, tuttavia, la gente non era entusiasta dei vini stravaganti a base di Cabernet, ma per fortuna venivano commercializzati anche nel resto d'Italia. Nel 1978, Sassicaia vinse un importante concorso organizzato dalla rivista vinicola Decanter contro altri vini a base di uve provenienti da Bordeaux. Con la vittoria in questa degustazione, anche i toscani locali iniziarono ad aprire gli occhi sul Sassicaia.

L'annata 1985 è stata la grande svolta ed è stata paragonata in una degustazione alla cieca con lo Chateau Mouton-Rothschild del 1986 dallo stesso Robert Parker, che nel 1985 premiò la Sassicaia con i magici 100 punti. Per inciso, fu il primo vino italiano a ricevere un punteggio perfetto da un recensore riconosciuto a livello internazionale. Da allora, non ci si è più guardati indietro, e Sassicaia è stato l’avanguardista che stava aspettando la fascia ribelle di produttori in contrasto con la tradizione di utilizzare solo il Sangiovese e invece si appoggiavano a uve di ispirazione Bordeaux invecchiate in barrique francesi. Questi vini, in seguito, divennero noti come Super Tuscan.

La Storia di Bolgheri e dei Super-Tuscan

Il vino è coltivato a Bolgheri da centinaia di anni, ma con il motto vino quotidiano per pasteggiare, indicativo che i vini erano rustici e di scarsa qualità. Le prime norme (DOC) per la qualità e la produzione vinicola della zona sono state approvate nel 1983 e comprendevano solo vini bianchi e rosati.

I primi grandi vini rossi di Bolgheri non potevano essere venduti perché non seguivano l'attuale piramide di qualità DOC e violavano le regole per le quali non era possibile miscelare il Sangiovese con vitigni internazionali. Ciò ha causato problemi, ma mostra anche molto bene il pensiero ribelle che ha prevalso nella zona. Sassicaia e gli altri rivoluzionari vini rossi erano ancora prodotti e commercializzati con la denominazione consentita "Vino da Tavola". Poi è arrivata la più rigorosa "Indicazione geografica tipica (IGT)". Questi vini hanno rapidamente guadagnato un grande gruppo di appassionati sul mercato del vino, che li hanno chiamati "Super Tuscan".

All'esterno di Bolgheri si apre gli occhi anche sulla miscelazione del Sangiovese con altri vitigni francesi e sull'invecchiamento dei vini nelle barrique francesi. Di conseguenza, i Super Tuscan si trovano non solo a Bolgheri, ma in tutta la Toscana, dove Tiganello e Solaia, tra gli altri, possono essere annoverati tra i pionieri che, in tal senso, hanno spianato la strada a tutto il movimento super toscano.

L'insieme delle regole di qualità in questo settore è stato adattato più volte nel corso degli anni, e dal 1994 in poi i vini rossi sono stati ufficialmente affiliati alla DOC Bolgheri, e a Sassicaia è stata data anche una propria sub-DOC con un insieme ancora più rigoroso di norme adattate al vino totalmente unico.

Nel 2011, le norme sono state nuovamente adattate, in modo che sia ora possibile produrre vini da singole uve nell'ambito delle norme DOC. Cabernet Sauvignon, Merlot e Cabernet Franc sono i tre cloni più importanti, seguiti da Sangiovese e Syrah. Inoltre, è consentito lavorare con fino al 30% di altri vitigni. Tutto nel complesso, un insieme aperto e innovativo di regole che dà all'enologo un buon quadro per sviluppare la sua creatività.

Sassicaia Sassicaia è oggi uno dei vini italiani più prestigiosi e ricercati in tutto il mondo.

Bolgheri Oggi

Oggi ci sono 60 produttori a Bolgheri che realizzano alcuni dei vini più ricercati d'Italia. Sassicaia si distacca, con la sua meritata DOC, ma gli altri grandi produttori non lasciano nulla al caso quando si tratta di qualità.

I viticoltori locali combattono una tendenza conservatrice da molti anni. Forti forze esterne, tuttavia, hanno avuto un grande impatto nel farlo apparire oggi come forse la regione vinicola più attraente d'Italia. Dal 1978 in poi, forti forze entrarono in scena, tra cui Piermario Meletti Cavallari, che fondò Podere Grattamacco nel 1977 ed è ora uno dei principali produttori.

Colpisce anche la tenuta Belvedere, che fu divisa tra i due fratelli Antinori, Lodovico e Piero, che costruirono ciascuno la loro tenuta di alto livello. Il marchese Lodovico Antinori fondò un altro super toscano, Ornellaia, nel 1981, mentre Piero introdusse Guado al Tasso. Tra i locali, va ricordato anche Eugenio Campolmi, che fondò Le Macchiole e che oggi rimane ai vertici della gerarchia.

Nella lista 2020 Power Top-100 della borsa del vino britannica, Liv-Ex, Bolgheri è molto ben rappresentata. Sassicaia è al numero 4, Ornellaia numero 6 e Masseto numero 9. Con tre produttori nella top 10, Bolgheri è meglio rappresentata nella lista sia della Borgogna che di Champagne.

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile