Articolo - RareWine Academy

Per Quanto Tempo Può Essere Conservato lo Champagne?

Quando si acquista Champagne per investimento, spesso sorge la domanda: quanto tempo può essere conservato? Ecco la risposta e di più sul potenziale di stoccaggio di Champagne

Lo Champagne invecchiato è uno dei vini più impressionanti che tu possa immaginare. Proprio per questo è anche una categoria di vini in cui ha davvero senso investire. Tuttavia, è lontano dall’essere l’unico Champagne adatto agli investimenti. La maggior parte può, tuttavia, essere conservata per anni con nobili esperienze gustative di conseguenza.

Di seguito puoi leggere di più sulle diverse fasi dello stoccaggio di uno Champagne; dal momento in cui inizia come uva sulla vite, fino a quando non è finito e pronto per la degustazione in cantina.

Le Tre Fasi della Maturazione dello Champagne

Il punto di partenza, quando si parla di maturazione dello Champagne, è un vino base a base di uve raccolte nella regione di Champagne nella parte settentrionale della Francia. Il vino ha subito a questo punto la prima fermentazione, che è la fermentazione alcolica.

Lo champagne attraversa tre diverse fasi in termini di stoccaggio e maturazione:

  1. In primo luogo, viene conservato in un vaso (o botte) prima della miscelazione.
  2. Successivamente, viene maturato con sedimenti per un periodo più lungo in cantina prima della sboccatura finale. È qui che il vino subisce la seconda fermentazione.
  3. Con la sboccatura, le cellule di lievito morte vengono rimosse e viene determinato il grado finale di dolcezza dopo di che possiamo acquistare lo Champagne e seguire il suo sviluppo in bottiglia.

L'ultima fase è sicuramente la più interessante dal punto di vista degli investimenti. Tuttavia, facciamo brevemente chiarezza sulle due prime fasi.

1. Stoccaggio in Vaso d'Acciaio o Botte di Rovere in Cantina

In cantina, lo Champagne viene solitamente conservato in un vaso vinario d'acciaio per preservare quanta più freschezza possibile. Alcuni produttori lo conservano botti di rovere più vecchie, per aggiungere più complessità allo champagne. Bollinger e Selosse sono due degli esempi più noti che usano questo metodo. Il vino rimane su queste vasi o botti fino a quando il maestro della cantina mescola il vino base per lo Champagne finale.

Nei casi più estremi, come Krug, il vino di 10 annate diverse e oltre 100 appezzamenti vengono utilizzati in un vino specifico. Ogni elemento aggiunge la sua impronta digitale al vino finale. Più a lungo il vino rimane fermo qui, maggiore è la complessità che si esprime nella cuvée finale. Normalmente il produttore procederà entro sei mesi da questo punto.

2. Seconda Fermentazione dello Champagne

Il prossimo passo nel ciclo di vita dello Champagne è il tempo in bottiglia dove avviene la famosa seconda fermentazione. Il requisito minimo è che la bottiglia sia conservata per 12 mesi prima dello sboccamento e altri 3 mesi prima del rilascio, ma tutti i principali Champagne vengono conservati per un periodo più lungo. I migliori, come Cristal, sono stati conservati per oltre 8 anni. All'interno della bottiglia, due processi significativi si verificano a seguito della seconda fermentazione. La fermentazione crea anidride carbonica e quindi bolle e pressione all'interno della bottiglia. Le cellule di lievito morte si depositano sul fondo della bottiglia e aiutano a creare note analitiche, in un processo in cui si sviluppano note simili al pane nello Champagne. Più a lungo lo Champagne rimane qui sulle fondo, migliore è l'espressione delle bollicine nello Champagne finale.

Champagne conservato per la seconda fermentazione nella cantina di Pol Roger Champagne conservato per la seconda fermentazione nella cantina di Pol Roger

3. Sboccatura e Conservazione dello Champagne Finito

La rimozione delle cellule di lievito morte è chiamata sboccatura. Successivamente, viene aggiunto il dosaggio, che è una combinazione di vino e zucchero. Questo determinerà la dolcezza finale e lo stile del vino. Da qui inizia il vero sviluppo dello Champagne in bottiglia.

I migliori Champagne in assoluto sono già in cantina da molto tempo quando vengono rilasciati, ma hanno comunque un grande potenziale davanti a loro. I vini sono solitamente tra i 5 e i 10 anni in cantina prima della sboccatura, il che aiuta anche a creare un vino migliore. Quando uno di questi vini entra sul mercato, è simile a un Grand Cru bianco di Borgogna dell'ultima annata, che ha bisogno di invecchiare prima di mostrarne tutte le sfumature.

La maggior parte di questi migliori Champagne non raggiungerà il loro pieno potenziale fino a quando non avranno circa 20 anni, ma possono facilmente svilupparsi magnificamente fino a 50 anni. Inoltre, i prezzi aumentano lentamente durante i primi due anni dopo il rilascio e poi iniziano a intensificarsi più evidentemente in seguito. Subito dopo il rilascio l'offerta è abbondante e i prezzi sono bassi. Dopo alcuni anni, il consumo costante farà in modo che i prezzi siano in aumento, così come la domanda, man mano che lo Champagne si avvicina per raggiungere il suo pieno potenziale. 

Naturalmente, tutto dipende dal produttore e dall'annata. Inoltre, gli champagne molto vecchi aumentano di prezzo, poiché improvvisamente entrano in gioco anche il valore affettivo e la rarità.

Acquista Giovane e Vendi (o Divertiti) Più Tardi

Come investitore in Champagne nel tuo portafoglio, puoi dormire tranquillo di notte. Non a caso lo Champagne viene spesso descritto come la risposta del vino ai titoli di Stato. Il consumo di Champagne è enorme in tutto il mondo e la popolarità non è mai stata maggiore. Anche i numerosi e innovativi cinesi hanno gradualmente aperto gli occhi in direzione delle bollicine francesi, e qui sono soprattutto gli Champagne migliori e più prestigiosi che sono richiesti.

Per trovare Champagne adatto agli investimenti, in genere devi guardare le più grandi cuvée di prestigio e i migliori Champagne d’annata (vintage, ndr). Tra i nomi più grandi ci sono Salon, Cristal, Krug, Dom Pérignon, Bollinger, Winston Churchill di Pol Roger e altri.

Inoltre, si prevedono notevoli aumenti dei prezzi dello Champagne entro i prossimi 10 anni. Sia i costi di produzione che i vigneti in Champagne sono aumentati significativamente negli ultimi 20 anni, molto di più rispetto ai prezzi effettivi di una bottiglia di Champagne, di cui si può leggere molto di più in questa analisi di mercato dello Champagne.

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile