Articolo - Italia - 12. aprile 2021

Perché il Brunello di Montalcino è più popolare che mai?

Il Brunello di Montalcino, insieme a Bolgheri e Barolo, formano il triangolo che negli ultimi anni ha suscitato interesse internazionale per il vino italiano.

Montalcino è probabilmente il borgo più famoso al mondo. Noto principalmente per i suoi vini popolari, in questi anni la sua fama sta raggiungendo nuove vette. Sia più produttori che molti più vigneti stanno vedendo la luce del giorno, mentre la qualità è stabile ed eccezionale come mai prima d'ora. Una collezione davvero meravigliosa di annate viene prodotta anno dopo anno. I critici hanno anche seguito con più vini sopra i 95 punti che mai. Stiamo indubbiamente assistendo all'inizio di un'era completamente nuova, in cui l'aumento della domanda farà salire ancora una volta i prezzi nei prossimi anni.

Montalcino

La Toscana è oggi forse la regione vinicola più famosa d'Italia. Qui si trova anche il paese di Montalcino. La zona in cui vengono coltivate le uve per il Brunello di Montalcino è praticamente una piazza in quanto delimitata su tutti i lati da fiumi. Il comune di Montalcino copre 24.000 ettari, ma poco più del 15% è attualmente coperto da vigneti. Per essere precisi, Montalcino si trova in una piccola area a 40 km dal Mar Tirreno e a 100 km. dagli Appennini. La zona, come il resto della Toscana, è dominata dalle colline, e i vigneti qui si trovano a quote variabili da 120 a 650 metri sul livello del mare con una buona esposizione al sole.

Il terreno in quest'area varia molto a causa delle diverse composizioni geologiche. In generale, si può dire che le aree inferiori hanno terreno più sciolto mentre più in alto sui pendii, ci sono più pietre e calcare nel terreno. È il classico clima mediterraneo che domina la zona, dove la maggior parte della pioggia cade in primavera e in autunno, e la stagione di crescita stessa è piuttosto secca per le viti. In media, 700 mm di pioggia cadono all'anno, il che è perfetto per le viti, abbastanza ma non troppo.

A Montalcino si Produce Vino da Oltre 2000 anni

Alcuni dicono che il nome Montalcino derivi da Mons Lucinos, un monte dedicato alla dea romana Lucina, ma la maggior parte ritiene derivi invece da Mons Ilcinus (Monte dei Lecci), così chiamato per la forte presenza di lecci, rappresentati anche sull'emblema comunale – ma nessuno lo sa con certezza. La città di Montalcino, come tanti luoghi della Toscana, è stata più volte in guerra negli ultimi secoli. Le guerre hanno imperversato principalmente intorno alla città, principalmente a causa della posizione vantaggiosa di Montalcino su una collina con mura circostanti, rendendo difficile l'occupazione da tutti i lati. Quando Cosimo de' Medici prese il controllo della città nel 1559, Montalcino era l'ultima città indipendente in Italia.

Da un punto di vista archeologico è evidente che a Montalcino il vino viene prodotto da più di 2000 anni, fin dagli Etruschi. Le prime anfore sono state trovate nella zona per il trasporto del vino. La combinazione delle colline, la distanza dal mare e il buon terreno sono stati visti da molte civiltà come un buon posto per coltivare l'uva.

Clemente Santi Produsse il Primo Vero Brunello nel 1865

Il vino di Montalcino ha sempre avuto una buona reputazione, soprattutto nella zona. Il fondatore del Brunello come lo conosciamo oggi fu Clemente Santi, che isolava il clone del Brunello come clone più grande e migliore del noto vitigno sangiovese. Clemente Santi realizzò le potenzialità dell'uva e introdusse sia tecniche di affinamento in botte che di vinificazione diverse da quelle dei suoi vicini. La sua annata 1865 di un “Vino Scelto” (Brunello) fu premiata con medaglia d’argento dal Comizio Agrario di Montepulciano. Per molti anni, il Brunello ha continuato ad essere una rarità per soli intenditori, nonostante importanti riconoscimenti ricevuti sia a Parigi che Bordeaux. Tuttavia, la prima annata di Brunello nella storia viene fatta risalire al 1888 e fu proprio grazie al lavoro di Clemente Santi e di suo nipote Ferruccio Biondi-Santi.

Nel 1945 Biondi-Santi era ancora l'unico produttore registrato della zona, con quattro annate ufficiali: 1888, 1891, 1925 e 1945. Tuttavia, i prezzi relativamente alti a cui i vini venivano venduti, diedero rapidamente ad altri l'idea di produrre Brunello. Nel 1960 c'erano 11 produttori ma nel 1970 il numero era più che raddoppiato. Nel 1966 l'Italia introdusse il suo primo regolamento vitivinicolo, qui il Brunello di Montalcino fu posto al livello superiore il DOC, Denominazione di Origine Controllata, e nel 1980, quando l'Italia introdusse una categoria superiore chiamata DOCG, Denominazione di Origine Controllata e Garantia, a Montalcino fu dato lo status di DOCG. Nel 1980, solo sette aree furono autorizzate ad apportare la dicitura DOCG sulle loro etichette; oggi sono invece poco più di 60 aree.

Dal 1980, anno in cui sono stati registrati 53 produttori, è iniziato il successo e all'inizio del millennio vennero registrati oltre 200 produttori. Oggi, nel 2021, ci sono 201 cantine e la qualità non è mai stata così alta. Dei 24.000 ettari disponibili, 2.100 sono coltivati a Sangiovese per la produzione del Brunello di Montalcino e altri 1.400 ettari con uve per vini più piccoli e vino bianco. Quindi, il potenziale di crescita è enorme sulla carta, ma non è possibile coltivare uva ovunque, quindi probabilmente vedremo un ristagno delle piantagioni nel prossimo futuro.

Ciò contribuirà anche ad aumentare l'interesse e la domanda per i produttori che oggi hanno buoni vigneti.

Il Regolamento del Brunello di Montalcino

Con l'ultima modifica, le regole sono ora che un Brunello di Montalcino deve invecchiare per un minimo di due anni sulla botte e può essere venduto solo il 1° gennaio del quinto anno dopo la vendemmia. Un vino etichettato "Riserva" deve invecchiare un anno in più prima del rilascio, anche se non necessariamente in botte. Molti dei migliori produttori raccolgono le loro migliori gocce e le imbottigliano più tardi del loro normale Brunello. In generale, i Riserva hanno un maggiore potenziale di invecchiamento.

Viene prodotta anche una versione più accessibile, come il Rosso di Montalcino, che può essere venduto dal 1° settembre dell'anno successivo alla vendemmia, senza la necessità di affinamento in botte. Questo è spesso fatto da uve provenienti dalle viti più giovani. Il Rosso di Montalcino è un vino adatto al consumo non appena viene rilasciato, ma senza un grande potenziale di stoccaggio.

Tradizionalmente, il Brunello ha sempre richiesto un invecchiamento a lungo termine prima del rilascio. In passato, c'era un invecchiamento molto più lungo in botti di legno, il che ha reso i vini ancora più complicati.

Soldera-brunello-di-montalcino Soldera produce uno dei Brunello più noti e popolari

I Migliori Produttori di Brunello di Montalcino

La classifica dei produttori è costantemente in discussione. Ci sono i vecchi classici, alcuni dei quali hanno cambiato proprietario nel tempo, e poi ci sono i nuovi migliori produttori. Il nome più grande della storia è, ovviamente, Biondi-Santi, che produce ancora alcuni dei migliori (e con ottimo potenziale d’invecchiamento) vini eccezionali della zona. Ma non possiamo che menzionare anche Soldera, un produttore della "vecchia scuola" - un produttore in cui la nuova generazione ha preso il suo posto con successo. Anche Il Marroneto, con il suo Madonna delle Grazie, è con la sua grande finezza è in loro compagnia da un paio di decenni. Il Poggione è uno dei grandi proprietari terrieri di Montalcino ed è riuscito ad essere al top in termini di pura qualità per diversi decenni. Poggio di Sotto è un altro dei principali produttori che sono riusciti a mantenere la sua posizione ai vertici del Brunello, nonostante un cambio di proprietà.

Il Futuro del Brunello di Montalcino

Il futuro offre un maggiore interesse per l'origine da parte del consumatore internazionale di vino, indipendentemente dal fatto che la zona sia ufficialmente divisa o meno.

È possibile definire altre sub-regioni del Brunello di Montalcino, come le conosciamo dalla Borgogna. Non esiste una linea guida chiara su come farlo o se mantenere i confini così come sono oggi. Geologicamente, ci sono quattro valli che potrebbero essere divise e nominate. Semplicemente non ci sono prove storiche che lo stile di ogni valle sia così diverso l'uno dall'altro che una suddivisione avrebbe senso.

Al momento, è sicuramente lo stile dell'enologo che brilla, piuttosto che il terreno di una particolare zona. Lo stesso vale quando vediamo i singoli vigneti evidenziati sull'etichetta, il che sarà più un'espressione personale da parte del produttore che il vino di quel particolare vigneto è diverso dagli altri suoi vini. Tra qualche decennio, potremo giudicare meglio quali vigneti hanno effettivamente più valore di altri.

I produttori e gli stili che vediamo oggi saranno definiti più chiaramente negli anni a venire. Questo contribuirà a sottolineare la grande qualità che Biondi-Santi ha già stabilito con la sua annata di “Vino Scelto” 1865. Tuttavia, il Brunello di Montalcino si è indubbiamente affermato nella prima fila del vino italiano e, come amante del vino, non puoi che aspettarti future sempre più grandi esperienze gustative e una domanda in costante aumento per molti anni a venire.

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile