Articolo - Altro - 23. dicembre 2021

Investimenti In Vino Nel 2021: Un Anno Pazzesco!

Mentre l'anno volge al termine, è tempo di guardare indietro a un anno folle per gli investitori di vino su tutti i fronti.

La Fine Dell'anno Si Avvicina – E Che Anno!

Il 2021 è stato un anno ricco di eventi di ogni tipo, con una serie di eventi che andranno direttamente nei libri di storia. I sostenitori di Trump hanno preso d'assalto Capitol Hill, gli Stati Uniti hanno ritirato la loro presenza militare dall'Afghanistan, Elon Musk e Richard Branson hanno duellato per inviare i primi turisti nello spazio, il tutto mentre "Perseverance", un cosiddetto Mars Rover, ha girato intorno al Pianeta Rosso scattando foto.

L'Europa sta affrontando la sua peggiore crisi energetica dal 1980, ma prima di allora, abbiamo avuto modo di goderci (e noi italiani, vincere) il Campionato Europeo di calcio del 2020 e i Giochi olimpici del 2020 – nel 2021 (!!). COVID-19 ha continuato a essere il titolo dominante. Sì, e oltre a questo, il 2021 è diventato anche l'anno in cui i britannici si sono finalmente liberati dell'UE. 

In altre parole, il 2021 è stato un anno importante che ora sta volgendo al termine. E ciò ci dà motivo di fermarci e guardare indietro attraverso gli occhiali dell'investitore in vino.

Di seguito puoi leggere il nostro rapporto sull'anno, concentrandoti su ciascuna delle nostre categorie principali. In effetti, con un mondo globalizzato, eventi internazionali del calibro di cui sopra possono anche influenzare il commercio del vino, e i commercianti di vino del mondo nel 2021 sono un capitolo a parte.

Investimenti In Vino

Borgogna

La Borgogna è la categoria più grande in base alla nostra raccomandazione sulla composizione del portafoglio* e i suoi vini costosi sono solamente diventati più costosi nell'ultimo anno, per la gioia di coloro che hanno investito in questa categoria.

La tendenza è stata evidente nel mercato: non c'è mai stato tanto e tanto buon vino consumato come nel 2021. Il consumo dei migliori vini sembra essersi spostato dai ristoranti alle case private durante il lockdown in tutto il mondo, mentre le restrizioni di viaggio e altro ancora hanno probabilmente contribuito a far salire alle stelle il bisogno di auto-indulgenza. 

Quanto sopra corrisponde all'annata 2019 di Borgogna, che da un lato è storicamente povera in termini di volumi prodotti, mentre dall'altro la qualità è stata storicamente buona. A proposito, questo è stato qualcosa che abbiamo evidenziato già nell'aprile di quest'anno, quando abbiamo previsto un forte aumento dei prezzi.

La scarsità, la qualità e quindi la domanda hanno fatto salire i prezzi prima del previsto, influenzando le annate circostanti. Basse rese e alta qualità hanno portato a una forte domanda ed hanno reso alcuni vini quasi impossibili da trovare ovunque sul mercato.

Ciò è quindi risultato in prezzi nettamente più alti e rendimenti da inizio anno su tutti i vini della Borgogna gestiti da RareWine Invest di poco meno del + 19%.

Di conseguenza, abbiamo inviato un messaggio a diversi investitori che potrebbero esserci interessanti opportunità di vendita in questo contesto che rendono opportuno esaminare la possibilità di portare a casa profitti e / o reinvestire. La premessa dell'investimento a lungo termine nel vino non è cambiata in alcun modo, ma un rendimento annuale anormalmente elevato come questo potrebbe essere rilevante per alcuni investitori su cui agire e noi, ovviamente, siamo felici di aiutare. Contatta il tuo gestore di portafoglio se vuoi discutere le tue opzioni.

Il futuro degli investitori in vino esposti alla Borgogna potrebbe offrire un ulteriore scenario redditizio. Vale a dire, la vendemmia 2021: una gelata notturna primaverile, si è tradotta in produzioni storicamente piccole, che potrebbero contribuire a creare ancora più concorrenza per i volumi già scarsi. 

Potremmo anche assistere a una siccità di Borgogna nei prossimi anni, con i volumi significativamente ridotti così difficili da trovare che anche le annate circostanti saranno più richieste del solito. Vediamo lo stesso quadro con l'annata 2020, dove le prime valutazioni stanno iniziando a spuntare, suggerendo un'altra grande annata in termini di qualità, ma con piccole quantità disponibili.

*40% Borgogna, 30% Champagne, 15% Italia, 10% Resto del Mondo, 5% Bordeaux.

Investimenti In Vino

Champagne

Come in Borgogna, le circostanze esterne hanno influenzato il commercio di Champagne e quindi i prezzi delle quantità disponibili. Nel contesto di un arresto globale e di un Canale di Suez bloccato, non sorprende che le catene di approvvigionamento globali siano sotto pressione astronomica.

La pressione ha colpito anche il mondo dello Champagne, dove intere catene di approvvigionamento dal produttore al consumatore probabilmente non hanno mai sperimentato prima una tale carenza di Champagne. I produttori devono affrontare notevoli sfide nel portare sul mercato nuovi rilasci a causa della mancanza di materie prime come vetro e imballaggi. Inoltre, a causa delle catene di approvvigionamento alle strette di cui sopra, i principali distributori sono in stallo o hanno difficoltà a distribuire le merci sul mercato globale. Anche quando hanno successo, è a costi di trasporto storicamente elevati.

Allo stesso tempo, la riapertura della comunità globale ha significato che i consumatori potrebbero essere in grado di tornare alle loro solite abitudini sociali, compresi i viaggi. Gli ospiti sono così tornati a bar, ristoranti ed eventi, con un massiccio consumo di Champagne come risultato.

Come conseguenza di quanto sopra, i prezzi dello Champagne sono saliti alle stelle, per non dire altro, rendendo lo Champagne (di gran lunga!) la categoria con il rendimento più alto nel 2021. I rendimenti da inizio anno su tutto lo Champagne nei portafogli gestiti da RareWine Invest hanno raggiunto il livello record di + 39%.

Come nel caso della Borgogna, ci possono anche essere opportunità di portare a casa profitti su Champagne selezionati. Se avete pensieri in questa direzione nonostante una raccomandazione per un orizzonte di investimento più lungo, vi consigliamo anche di discutere le possibilità con il vostro gestore di portafoglio. Monitoriamo costantemente il mercato alla ricerca di eccezionali opportunità di vendita e contattiamo i singoli investitori se riteniamo che la premessa di investimento per un vino specifico sia cambiata in modo significativo. Nonostante i rendimenti straordinari a breve termine, lo Champagne rimane un investimento a lungo termine.

A proposito, Winemag ha pubblicato 15/12-2021, un articolo entusiasmante sulla scarsità di Champagne nei prossimi anni. Leggilo qui e scopri di più su ciò che chiamano "A Perfect Storm of Disruptions Will Create a Global Champagne Shortage(Una tempesta perfetta di interruzioni creerà una carenza globale di champagne)

Investimenti In Vino

Italia

Per diversi anni, l'Italia è stata una "perdente" di spicco sulla scena vinicola – tanto che intorno all'inizio del 2021, abbiamo separato l'Italia dalla categoria Resto del Mondo e cambiato la nostra raccomandazione predefinita. Prima, la composizione del portafoglio che consigliavamo ai nostri investitori prevedeva un 20% del Resto del Mondo. Adesso vede 15% Italia e 10% Resto del Mondo, riducendo la raccomandazione di Bordeaux della metà e portandola al 5%*.

Mentre i vini di Borgogna, ad esempio, sono diventati più irraggiungibili solo negli ultimi anni, la qualità del miglior vino italiano è gradualmente migliorata nel corso degli anni. In particolare, i vini italiani sono diventati alternative attraenti per molti bevitori di vino. Di conseguenza, i vini italiani hanno guadagnato un posto ancora più dominante sotto i riflettori.

In Italia si producono enormi quantità di vino, e bisogna scegliere con cura. In particolare, le regioni Piemonte e Toscana attirano maggiormente l'attenzione quando si tratta di vini da investimento. Tra questi: barolo, brunello di Montalcino e, non ultimo, la folla sempre crescente di super-toscani.

Non abbiamo visto la stessa scarsità e le stesse sfide della filiera tra i vini italiani. Un crescente interesse per questi particolari vini e una forte ripresa del mercato vitivinicolo, in generale, hanno fatto sì che ci siano stati anche alti rendimenti in Italia. Il rendimento da inizio anno di tutto il vino italiano nei portafogli gestiti da RareWine Invest si attesta attualmente al +14%. 

*Prima: 40% Borgogna, 30% Champagne, 20% Resto del Mondo, 10% Bordeaux

Ora: 40% Borgogna, 30% Champagne, 15% Italia, 10% Resto del Mondo, 5% Bordeaux

Investimenti In Vino

Resto Del Mondo

Resto del Mondo è la categoria leggermente più arbitraria, contenente il vino che non rientra nelle altre categorie, in particolare i vini americani ed il whisky.

La guerra commerciale tra l'UE e l'amministrazione Trump ha portato, tra le altre cose, a tariffe punitive statunitensi su diversi beni europei, tra cui la maggior parte del vino europeo *. Una tariffa punitiva che ha reso i vini più costosi per i consumatori statunitensi dalla mattina alla sera ha quasi certamente portato a un'attenzione ancora maggiore a livello nazionale sui vini statunitensi. Questa direzione è persistita per tutto il 2021 ed è probabile che continui fino al 2022.

Il whisky, che come investimento è spesso associato a un rischio più elevato rispetto al vino, è diventato famoso anche da una prospettiva globale. Compresi, in particolare, scozzesi e  giapponesi, che sono il nostro obiettivo primario. La crescente popolarità e le nuove generazioni più giovani di intenditori di whisky significano anche che il whisky come investimento sta diventando più popolare, non da ultimo per coloro che preferiscono mantenere un profilo di rischio leggermente più alto, poiché i rendimenti sul whisky possono essere molto interessanti.

Tuttavia, i vini statunitensi pesano maggiormente nella categoria Resto del mondo, che ha restituito il +12% da inizio anno.

*Il vino italiano e lo Champagne sono stati esentati per motivi insondabili

Bordeaux

I vini bordolesi altrimenti impressionanti e rinomati sono diventati gradualmente sempre meno importanti nella nostra attività di investimento. In breve, ciò è dovuto principalmente all'eccesso di offerta e alla mancanza di volontà da parte dei produttori di abbassare i prezzi a un livello in linea con la domanda e l'offerta. Puoi leggere di più su questo qui.   

La nostra continua attenzione alla categoria è un riconoscimento del fatto che se guardi nei posti giusti e investi nelle giuste condizioni, c'è ancora del potenziale da trovare. Tuttavia, è stato più o meno limitato a Petrus, Le Pin e rilasci En Primeur negli ultimi anni.

Detto questo, Bordeaux nei portafogli gestiti da RareWine Invest ha avuto un anno particolarmente buono, probabilmente assistito dalla ripresa generale del mercato del vino. I rendimenti da inizio anno sui vini bordolesi gestiti da RareWine Invest sono atterrati a un enorme + 14%.

L’Opinione di RareWine Invest

Per finire da dove abbiamo iniziato, va detto che il 2021 è stato un anno pazzesco sotto ogni punto di vista.

Abbiamo avuto un anno di rendimenti eccezionali in tutte le categorie e abbiamo avuto il piacere di raggiungere diversi investitori con opportunità di vendita uniche. Se vuoi portare a casa un profitto, anche se l'orizzonte di investimento non è esaurito, non esitare a contattare il tuo gestore di portafoglio per discutere le possibilità.

Da inizio anno, sono state vendute 640 posizioni, con un rendimento medio realizzato del + 18% per quegli investitori. Oltre ad essere un buon ritorno, questo conferma la liquidità nel mercato e le forti proprietà di investimento del vino.

Mentre ci uniamo agli investitori nel celebrare i forti rendimenti, sia realizzati che potenziali, invitiamo alla cautela e raccomandiamo di rimanere fedeli alla vostra strategia di investimento e ai principi fondamentali su cui si basa l'investimento in vino: rendimenti solidi e stabili, basso rischio, eccezionale resilienza e un orizzonte temporale lungo. 

Nel complesso, il ritorno da inizio 2021 ad oggi ha portato a un rendimento medio del +18,8% tra tutti i vini – che includono anche vini che sono stati aggiunti ai portafogli solo nel 2021 che non hanno ancora iniziato ad aumentare di prezzo.

Nonostante un grande anno, le premesse rimangono invariate, così come la nostra visione degli investimenti in vino.

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile