Articolo - RareWine Academy

Guerra a Barolo: Tradizionalisti vs Modernisti

Guerra a Barolo è un termine usato per descrivere la guerra tra tradizionalisti e modernisti, a partire dagli anni '80. Leggi chi e cosa l’hanno scatenata…

Tradizione e Progresso a Barolo

La Guerra è Finita, e il Vincitore Sei Tu!

Guerra a Barolo è un termine usato per descrivere la guerra tra tradizionalisti e modernisti a Barolo, a partire dagli anni '80. La "guerra" è ancora in corso, e la domanda è se finirà mai. L'unica cosa che possiamo vedere è che in alcuni punti del fronte è stata raggiunta una tregua e che i Barolo hanno oggi un sapore migliore che mai. Puoi scoprire cosa ha scatenato la "guerra" nelle sezioni seguenti, mentre i protagonisti possono essere trovati alla fine dell’articolo.

La storia della Guerra del Barolo

Storicamente, i vini Barolo in realtà non sono molto "amichevoli". Ciò è dovuto principalmente all'uva Nebbiolo, che è un'uva naturalmente ad alto contenuto di acidità e tannino fruttato. Questi sono due elementi strutturali che si depositano bene in bocca quando si assaggiano i vini. L'acidità dona freschezza e sembra che tagli il lato della nostra lingua. Il tannino ha un effetto essiccante e fa stringere la bocca. In una feroce combinazione di questi due, il frutto esce male.

È anche qui che si verifica un serio confronto. Da un lato, abbiamo i tradizionalisti conservatori, dall'altro i modernisti reazionari.

I Tradizionalisti del Barolo

I viticoltori locali di Barolo e dintorni hanno sempre saputo che la pazienza viene premiata. Con il tempo in cantina, acidità e tannino si equilibreranno, e il vino raggiungerà un equilibrio che ha un ottimo sapore, mentre il frutto guadagna trazione con il tempo. Per lo stesso motivo, si sente spesso parlare di vecchi Barolo tradizionali che hanno sviluppato un grande equilibrio e gusto dopo molti anni di invecchiamento.

Tradizionalmente, il Barolo è fatto con una lunga macerazione*, estraendo grandi quantità di tannino nel vino. Spesso, la macerazione tradizionale avviene per un massimo di 30 giorni. Il vino viene poi tradizionalmente affinato in grandi botti antiche - spesso a base di rovere slavo, di dimensioni che vanno dai 5.000 ai 10.000 litri. Ciò non si traduce praticamente in un sapore di botte, ma in una lenta ossidazione del vino. Il risultato è un vino ricco di tannini e di grande intensità aromatica. Nei casi migliori, questa produzione si traduce in vini incredibilmente equilibrati, dove il tannino e l'acidità sono arrotondati dalla lunga conservazione sulla botte, e il frutto è cresciuto al punto da creare l'equilibrio.

"Sto facendo il Barolo come ho sempre fatto, come ha fatto mio padre (Giovanni Conterno) e come ha fatto mio nonno (Giacomo Conterno, il fondatore) !"
Roberto Conterno, titolare-enologo dell'iconica Cantina Giacomo Conterno, lungo il bastione dei Barolo tradizionali

Questi classici possono vivere su note di petali di rosa e ciliegie acide, ma anche su note che vanno verso frutta secca e funghi a causa del lungo periodo in botte. E nel peggiore dei casi, il risultato è un vino rosso pungente con un effetto essiccante e solo un debole accenno di frutta.

* La macerazione è il primo processo di fermentazione in cui le sostanze fenoliche dei tannini, dei coloranti e degli aromi dell'uva vengono lisciviate dalle bucce, dai semi e dagli steli dell'uva nel mosto.

I Modernisti del Barolo

Nell’altra fazione ci sono i modernisti, che si sforzano di produrre vini pronti da bere in una fase precedente. Questo può essere fatto in vari modi. In casi estremi, il mosto viene pre-macerato per estrarre sapore e colore. La fermentazione alcolica stessa è più breve e con un migliore controllo della temperatura. Ciò significa che il tannino viene estratto dalle bucce più rapidamente e in piccole quantità. Il risultato è un'essiccazione del vino più lenta e quindi più veloce da bere.

Il vino viene poi affinato in piccole botti di rovere, spesso barrique francesi da 225 litri, che conosciamo da Bordeaux e da altri luoghi. Questo aiuta anche a rendere i tannini del vino, ma anche il sapore. Il vino con questo metodo guadagnerà più dolcezza e note di vaniglia e tabacco. Per molti versi, diventa un vino più moderno e ha un gusto più lungo le linee di altri grandi vini. Questi sono anche vini che sono al loro apice dopo 5 - 7 anni e non durano 50 anni come molti dei vecchi Barolo.

"Non mi interessa fare il grande Barolo. Voglio solo fare ottimo vino. E tutti i grandi vini rossi del mondo sono maturati in barrique.
Elio Altare, pioniere tra i modernisti

I Protagonisti della Guerra del Barolo

I tradizionalisti come Mascarello e Giovanni Conterno hanno avuto il loro lavoro in cantina ben sotto controllo. Uno dei modi per avere successo con il Barolo tradizionale era quello di raccogliere uve molto mature in modo che solo il tannino maturo fosse estratto dai gambi e dai semi del vino. Altri tradizionalisti sono Rinaldi, Cavallotto, Giacomo Conterno e Bruno Giacosa. Tutti produttori che hanno aiutato il Barolo a farsi un nome per decenni.

D'altra parte, non è difficile capire i modernisti, che avevano il desiderio di produrre vini pronti da bere senza un periodo di invecchiamento di 50 anni. Angelo Gaja è stato il primo a portare piccole botti nella zona, e Renato Ratti è stato il primo ad accorciare i tempi di fermentazione.

La situazione accelerò per i modernisti nei primi anni '80 quando un gruppo di giovani produttori formò un fronte. Tra questi c’erano produttori come Elio Altare, Luciano Sandrone, Domenico Clerico e Scavino che ridussero il tempo di fermentazione a meno di una settimana e introdussero piccole botti permanenti in cantina. Molti di questi vini sono stati bellissimi nei primi anni ma non hanno mantenuto l'alto livello allo stesso modo dei Barolo tradizionali.

La Guerra del Barolo – I Vincitori

Oggi ci godiamo la "guerra". Produttori come Domenico Clerico hanno iniziato a ri-guardare al passato. Clerico è un esempio sempre più tipico di un produttore che ha riportato grandi botti vecchie in cantina, accanto a quelle piccole. La fermentazione viene prolungata un po', ma non arriva a 30 giorni.

Il quadro generale che si incontra oggi in molte cantine della zona del Barolo è un connubio. Non ci sono più molti produttori bloccati in un campo o nell'altro. Ma i più tradizionali probabilmente non saranno mai in grado di muoversi, ed è proprio così che dovrebbe essere.

Mascarello produce ancora uno dei migliori vini della zona senza aver cambiato nulla. Al centro, abbiamo produttori come Vietti, Ceretto, Aldo Conterno, e oggi anche Renato Ratti. E i modernisti di oggi non riescono a superare Roberto Voerzio e Gaja, che fanno alcuni dei vini più costosi e ricercati della zona.

Sarà difficile nominare un chiaro vincitore da entrambi i fronti. Ecco perché guardiamo agli amanti del vino del mondo come il vero vincitore della guerra. Oggi hanno infatti l'opportunità di esplorare i diversi stili e ottenere una selezione più ampia e migliore di Barolo che mai. Congratulazioni per la vittoria...

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile