Articolo - RareWine Academy - 23. febbraio 2021

Vieilles Vignes – Ma Cosa Significa Davvero "Vigne Vecchie"?

Il termine Vieilles Vignes può essere letto sulle etichette di diversi vini in diverse lingue. Un termine che significa molto per le vendite, ma forse meno per il vino stesso?

Vieilles Vignes o vigne vecchie è un termine che può essere apportato sulle etichette per indicare che le uve utilizzate nella produzione del vino in questione sono state raccolte da vecchie viti. Per essere chiari fin dall'inizio: non ci sono regole ufficiali per quali vigne che possono essere definite “vecchie” – solo la Barossa Valley in Australia ha stabilito una serie di regole per quali vigne possono essere definite "vecchie viti". La Valle Barossa ospita alcuni dei vigneti più antichi del mondo che hanno continuamente prodotto uva per la produzione vinicola. Le viti più antiche hanno più di 150 anni.

In Francia, il termine Vieilles Vignes è spesso usato sull'etichetta, ma non esiste una regolamentazione che indichi quando i produttori possano effettivamente usare questo termine. Per tanto, mentre un produttore può considerare le viti di 20 anni Vieilles Vignes, per altri produttori parliamo di viti di età superiore ai 70 anni.

Vieilles Vignes L'espressione Vieilles Vignes si trova spesso sull'etichetta di una bottiglia di vino.

Il Ciclo di Vita per le Viti

Quando si guarda al ciclo di vita della vite, ci sono naturalmente molti fattori che giocano un ruolo nel modo in cui si sviluppa la vite individuale. Quindi, in questo esempio immaginario, iniziamo con una vite media. A seconda del vigneto, della posizione di coltivazione, dei metodi di coltivazione, ecc., il tutto può quindi variare:

Viti di 0-3 Anni

Nei primi due o tre anni, la vite si radica e si stabilisce nel terreno. Le radici crescono e si formano i primi rami. Le singole uve possono essere raccolte, ma non in una qualità che può essere utilizzata per la produzione vinicola. In questa fase la vite deve avere le migliori condizioni per crescere e, in molte zone, l'irrigazione viene applicata in misura minore per dare alla vite il miglior inizio. Dopo questo periodo, l'irrigazione non è più consentita in molte regioni vinicole europee.

Viti di 3-25 Anni

La fascia d'età successiva è ottimale per la vite. Da un'età di poco più di 3 anni a un'età di circa 25 anni, sia la quantità che la qualità aumenteranno. Ogni anno, le radici si dilatano ulteriormente nel sottosuolo, in modo che la vite riceva un nutrimento migliore. Più le radici avanzano nel sottosuolo, meno la vite dipende dal cambiamento delle quantità di acqua ricevuta nelle singole annate.

È in questi anni che la vite diventa più resistente in modo che possa funzionare meglio in ogni aspetto. È anche in questi anni che la vite ottiene più grappoli con più acini per grappolo. Questo periodo è particolarmente interessante se il viticoltore vuole produrre grandi quantità di vino, poiché le viti producono una grande resa. Questi anni sono importanti anche per il produttore attento alla qualità. Infatti, potare le viti in modo ottimale, richiede molto lavoro in vigna. Solo con il giusto lavoro di potatura si ottengono uve di alta qualità.

Viti di 25+ anni

Quando la vite ha superato i 25 anni, iniziamo a vedere il termine "vecchie viti" apparire sulle etichette delle diverse varietà. La vite stessa ha ormai passato il periodo in cui dà la maggiore resa, e quindi la resa diminuisce un po' negli anni successivi della vita della vite. Questo risulta in meno grappoli d'uva, che a loro volta racchiudono meno uva. Sebbene la quantità diminuisca, la qualità effettivamente aumenta, il che rende particolarmente interessante concentrarsi sulle vecchie viti.

old-vines I vini antichi e Vieilles Vignes si trovano in quasi tutti i tradizionali distretti vinicoli.

Pre-Fillossera - Prima Degli Afidi Dell'Uva.

Pre-fillossera è un termine usato per le viti che non sono ancora state attaccate dall'afide del vino che ha attaccato e distrutto la maggior parte delle viti in Europa alla fine del XIX secolo. Solo per questo motivo, non ci sono molti vigneti in Europa con viti di età superiore ai 100 anni. Ci sono alcune eccezioni in cui terreni particolarmente sabbiosi hanno reso impossibile la sopravvivenza degli afidi della vite.

Alcuni paesi, principalmente al di fuori dell'Europa, sono stati quasi risparmiati dall'infestazione da afidi della vite, tra cui il Cile e la parte occidentale dell'Australia, dove ci sono ancora molte vecchie viti. Si dice anche che le vigne vecchie e originali producano vini con un migliore equilibrio, ma ci vuole anche più tempo prima che siano pronti per essere bevuti.

Qual È L’Apporto Delle Vecchie Viti al Vino?

Tuttavia, il numero di uve per vite continua a diminuire di anno in anno, il che porta a una maggiore concentrazione nelle uve rimanenti. Inoltre, l'equilibrio delle uve è ottimale: acidità, zucchero e tannino sono meglio bilanciati e il vino finito offrirà anche migliori esperienze a chi lo beve.

Le vecchie viti, e non da ultimo le loro radici, sono meglio ancorate in vigna. Le radici arrivano più in profondità, quindi ricevono più nutrienti dal sottosuolo profondo. Alcuni viticoltori pensano che questo dia ai vini più sapore tipico della loro origine. I viticoltori francesi in particolare credono che ciò renda al meglio le caratteristiche del terroir.

Lo scopo della vite con radici in profondità nel terreno è quello di ottenere acqua. Più in basso affondano le radici della vite, più stabile è l'approvvigionamento idrico della vite. L'acqua è essenziale affinché la vite fiorisca e l'uva e cresca. Se le radici raggiungono la falda freatica, l'approvvigionamento idrico è garantito anche negli anni in cui non piove molto. Ciò crea condizioni più stabili per la vite e quindi una maggiore stabilità nella produzione di uva e vino.

L'effettiva concentrazione nelle uve è una conseguenza logica di un minor numero di uve sullo stesso vitigno. Tuttavia, una maggiore concentrazione di sapori non sempre si traduce in un vino più forte. Il trucco per l'enologo è quello di estrarre gli aromi in modo tale che il vino finisca in equilibrio. Equilibrio è esattamente la parola chiave per la maggior parte dei viticoltori che hanno vigneti con vecchie viti. La stabilità che deriva dall'avere le radici più in basso e le uve meno ma più concentrate rendono un migliore equilibrio all'interno dell'uva.

Naturalmente, ci sarà anche una resa molto più bassa man mano che le viti invecchieranno. La resa più bassa può rapidamente diventare un cattivo affare se non è possibile vendere il vino ad un prezzo abbastanza alto. L'enologo deve costantemente tenere d'occhio dove si trova il punto di taglio in modo da poter ripiantare la sua vigna al momento giusto.

Ecco Cosa Ti Puoi Aspettare dalle Vecchie Viti

Quando hai di fronte un bicchiere di vino prodotto da Vieilles Vignes puoi aspettarti vini realizzati con maggiore attenzione a tutte le parti del processo. La bassa resa significa che il produttore deve avere una forte attenzione a tutti gli elementi del processo per garantire una resa ottimale dalle poche uve che le vecchie viti forniscono.

Molti vini mostreranno con una grande concentrazione. Inoltre, i vini appariranno con un buon equilibrio tra gli elementi strutturali. Un migliore equilibrio significherà anche che questi vini avranno un potenziale di sviluppo ancora migliore. Non sempre i produttori usano il termine sulle loro etichette, eppure molti dei migliori vini del mondo sono fatti con uve raccolte da vecchie viti. Ad ogni modo, spesso trovi vini con il termine Vieilles Vignes sull'etichetta, ma ciò non è necessariamente sempre un'espressione di qualità o viti molto vecchie.

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile