Articolo - RareWine Academy

Armand Rousseau - Il Re Di Gevrey-Chambertin

Grazie all'amore per il Pinot Noir - da sempre nel DNA di Rousseau -, la tradizione e l'adattamento moderno, il Domaine ha raggiunto il successo in Borgogna.

” This is one of Burgundy’s greatest domains any way you look at it – in history, in holdings and in quality of wine.” (Questo è uno dei più grandi domaine della Borgogna in qualsiasi modo lo si guardi - nella storia, nei terreni e nella qualità del vino)

- Jasper Morris, MW

Armand Rousseau è quasi sinonimo di Gevrey-Chambertin. Se c'è un domaine che ha contribuito alla grandezza di questa denominazione nelle ultime quattro generazioni, è Armand Rousseau e i suoi discendenti.

Oggi la famiglia Rousseau possiede 15 ettari di vigneti principalmente a Gevrey-Chambertin e una piccola parte a Morey-Saint-Denis. Di questi 15 ettari, 8,5 ettari sono classificati al più alto livello come Grand Cru e altri quasi quattro ettari classificati come Premier Cru. Questa è una tenuta impressionante dal punto di vista della Borgogna.

Armand Rousseau E L'inizio

Armand Rousseau nacque nel 1884 in una famiglia che all'epoca era fortemente coinvolta nella vinificazione in Borgogna. La famiglia aveva un business di negoce, produttori di botti e viticoltori. Nel 1909, il matrimonio di Armand Rousseau diede ancora più terra alla famiglia. Allo stesso tempo, la famiglia si stabilì nell'attuale domicilio nella parte vecchia di Gevrey-Chambertin.

Nei primi decenni, Armand, come molti altri all'epoca, lavorava vendendo le sue uve alle grandi case vinicole, che poi mandavano il vino sul mercato. Questo gli diede il capitale per espandere le sue proprietà terriere e, in quegli anni, acquistò appezzamenti a Charmes-Chambertin, Clos de la Roche e Chambertin stesso. Fino ad oggi, questi rimangono tra i più importanti possedimenti terrieri della famiglia Rousseau.

Armand Rousseau

Rousseau In Una Prospettiva Storica

All'inizio del secolo scorso, la vita di tutti i giorni era molto diversa per i viticoltori della Borgogna. C'era una netta separazione tra i mercanti di vino (negozianti) e i viticoltori sui domaine. Le famiglie dei domaine coltivavano i vigneti e poi consegnavano l'uva o in alcuni casi il vino finito ai mercanti. Ciò significava che il commerciante di vino poteva inviare il vino al mercato e garantirne la qualità - molti commercianti avevano severi requisiti di qualità per i produttori. Era davvero un grande momento per mercanti come Remoissenet, Drouhin e altri. Questa era la pratica in gran parte della Francia durante questo periodo, e molti di questi mercanti possedevano pochi o nessun vigneto.

Nel periodo successivo alla Prima guerra mondiale, alcuni dei produttori più piccoli erano interessati ad esportare il loro vino direttamente ai clienti, in particolare al crescente mercato americano. Ciò significava che i primi produttori iniziarono l'imbottigliamento nei locali della loro cantina nel 1920. Armand Rousseau seguì l'esempio nei primi anni 1930 e fu uno dei primi a capitalizzare questa particolare opportunità.

Il vantaggio per i domaine era un maggiore controllo sul proprio vino. Si adattava all'orgoglio francese, ma significava anche che il consumatore sapeva esattamente chi aveva prodotto il vino in questione. Sia a breve che a lungo termine, ciò ha causato un aumento dei prezzi insieme agli interessi. Questa fu una storia di successo per i domaine, su tutti i fronti, e oggi è il processo preferito per qualsiasi domaine attento alla qualità.

Questa è stata anche la chiave per Rousseau nel mercato americano, e oggi le esportazioni sono ancora una parte importante dei guadagni del domaine.

I negociant si sono adattati al nuovo mondo acquisendo vigneti e lavorando molto più a stretto contatto con i coltivatori da cui proviene il vino.

Armand, Charles, Eric E Cyrille - La Famiglia Rousseau

Sfortunatamente, mentre tornava a casa dalla caccia nel 1959, Armand si schiantò con la sua auto e perse la vita. Ciò significava che la generazione successiva, con il figlio Charles Rousseau al comando, doveva portare avanti in sicurezza l'attività di famiglia. Charles fu responsabile dell'espansione in importanti vigneti e il primo vigneto ad essere acquisito fu il leggendario Clos Saint-Jacques, che Armand aveva acquisito a nome di Charles. Personalmente, Charles era impegnato ad acquisire aree a Mazis-Chambertin, Clos de Beze e il monopolio Clos des Rouchottes, mentre continuava l'eredità e costruiva il mercato delle esportazioni.

Il figlio di Charles Rousseau, Eric, è salito a bordo nel 1982 dopo aver conseguito una laurea in enologia presso l'Università di Digione e dopo aver studiato con molti dei suoi colleghi in Borgogna. Eric aveva grandi visioni di creare vigneti più sostenibili. La sua convinzione che il buon vino sia fatto in vigna ha portato all'inizio della potatura verde, dove le uve maturate in modo non ottimale vengono tagliate prima dell'ultima parte della stagione di crescita. Allo stesso tempo, si è spostato verso un approccio biologico al lavoro nei vigneti.

Cyrille Rousseau è la figlia di Eric e ha intrapreso un percorso molto moderno per tornare a casa nell'azienda di famiglia. La norma era rimanere a casa e imparare dalle generazioni più anziane. Cyrille si è laureata in geologia e viticoltura a Digione. Ha anche viaggiato per il mondo per vedere come lavorare sia nei vigneti che nelle cantine in Nuova Zelanda, Oregon e Australia. Voleva imparare altri processi e metodi per portare nuova ispirazione a casa in Borgogna.

Nuove conoscenze provenienti da altre parti del mondo aiutano a mantenere l'approccio innovativo della famiglia alla vinificazione in Borgogna, altrimenti molto tradizionale. Cyrille ora gestisce il domaine con suo padre, Eric. È tradizione familiare lavorare fianco a fianco tra le generazioni per creare il miglior trasferimento di conoscenze e visioni. Tuttavia, non c'è dubbio che la formazione di Cyrille abbia contribuito a portare i vini ad un altro livello.

Armand Rousseau

La Ricerca Di Rousseau Per Il Grande Vino Perfetto

Domaine Armand Rousseau non riposa sui famosi allori, poiché c'è una costante attenzione al miglioramento e alla creazione del prossimo vino perfetto da uno dei fantastici vigneti della famiglia.

Sia Cyrille che suo padre hanno un amore per il Pinot Nero, motivo per cui c'è piena attenzione su questa complessa uva. In Borgogna, il Pinot Nero è il cuore, ed è l'uva che viene utilizzata come mezzo per esprimere il terroir di ogni vigneto. La coltivazione del Pinot Nero, tuttavia, richiede una destrezza al tatto, in quanto non è facile da gestire con i suoi piccoli grappoli densi.

L'approccio della famiglia Rousseau è quello di esprimere uva, grappolo, vite, parcella e vigneto nel miglior modo possibile. Questo viene praticato mantenendo tutti i lavori nei vigneti e in cantina il più vicino possibile all'originale. I vigneti sono arati e l’intervento è minimo. Rousseau non è certificato biologicamente ma presta attenzione a ciò che viene fatto per mantenere una vita attiva nei vigneti sia grazie agli insetti che ai piccoli animali. Le viti sono piantate in modo tradizionale con circa 11.000 piante per ettaro. In media, le viti hanno 45 anni e in cantina il vino viene fermentato in vasche di acciaio con il lievito naturale. Tutti i vini vengono poi affinati in una combinazione di botti nuove e usate per un periodo prolungato.

In totale, la famiglia produce oggi 65.000 bottiglie all'anno, di cui l'80% viene esportato. Questi sono tutti vini che sono considerati punti di riferimento in Gevrey-Chambertin e hanno il potenziale per svilupparsi per molti anni in cantina.

I vigneti di Armand Rousseau

Se si ha la fortuna di essere invitati in cantina da un produttore di vino, la procedura sarà spesso quella di degustare i vini classificati per qualità - spesso dal regionale al Village al Premier Cru e termina con Grand Cru. Tuttavia, questo non è l'ordine di Rousseau, che indica fortemente che la classifica dei vini Rousseau non è definita dalla loro classificazione. A Rousseau, infatti, Clos Saint Jacques è servito terzultimo appena prima di Chambertin e Chambertin Clos de Beze. Ciò dimostra che la famiglia considera Clos Saint Jacques a livello dei Grand Cru.

Armand Rousseau

I principali vini del Domaine Armand Rousseau

Champ De Bertin: Chambertin Grand Cru

Chambertin non è solo un suffisso del comune di Gevrey-Chambertin. È anche uno dei migliori vigneti in assoluto in Borgogna, forse nel mondo. Infatti, è indicato, insieme a Romanée-Conti e Musigny, come il triumvirato che produce i migliori vini sul mercato.

Nel XII secolo, c'era un uomo di nome Bertin. Scelse di coltivare questo vigneto proprio accanto a quello coltivato dai monaci di Beze. Il suo vino era così grande che divenne noto con il suo nome: "La vigna appartenente a Bertin" - o in francese "Champ de Bertin", che nel corso degli anni fu contratto al più vernacolare Chambertin. Oggi questo è il vigneto più prestigioso del comune di Gevrey-Chambertin.

Armand Rousseau possiede quattro particelle qui, che contribuiscono tutte alla complessità di questo vino.

Chambertin misura un totale di 12,9 ettari e Armand Rousseau è il più grande proprietario terriero con un totale di 2,56 ettari. È un vigneto che offre vini dall'alto - non solo da Rousseau. Degno di nota è anche Domaine Leroy, che con i suoi 0,5 ettari è uno dei vini più ambiti di Chambertin. Anche Domaine Trapet, il secondo più grande proprietario terriero, sta andando molto bene con i suoi 1,9 ettari. Anche Dugat-Py e Dujac, che hanno entrambi solo 0,05 ettari e producono quantità microscopiche, dovrebbero essere osservati da vicino.

Chambertin Clos De Beze Grand Cru

Chambertin Clos de Beze prende il nome dai monaci del monastero di Beze, e storicamente è il più antico vigneto riconosciuto nel comune. Oggi, non c'è dubbio che generalmente si collochi appena al di sotto di Chambertin, tra i vigneti più illustri della zona. Rousseau possiede 1,42 ettari a Clos de Beze, divisi in due parcelle, la più grande delle quali si trova nella parte superiore del vigneto.

Chambertin Clos de Beze misura 15,40 ettari e Armand Rousseau è il terzo più grande proprietario terriero con 1,42 ettari. Altri produttori di questo vigneto includono Domiane Prieure-Roch da 1,01 ettari, Dujac dai suoi 0,24 ettari e Bruno Clair da 0,98 ettari.

Clos Saint-Jacques Premier Cru

Clos Saint-Jacques Premier Cru è al top della sua categoria ed è menzionato insieme a Cros Parantoux e Les Amoureuses come i migliori vigneti Premier Cru in Borgogna. Si trova sul versante opposto ai vigneti Grand Cru di Gevrey-Chambertin, e solo ragioni storiche spiegano perché non sia classificato come Grand Cru. Dei quattro vini prodotti nel vigneto Clos Saint Jacques, è il vino di Rousseau che ottiene le recensioni più splendide.

Clos Saint-Jacques misura un totale di 6,70 ettari, e con 2,22 ettari Rousseau ha circa un terzo del vigneto. Anche gli altri quattro produttori del vigneto producono grandi vini, ma non proprio allo stesso livello di Rousseau. Si tratta di Fourrier con 0,89 ettari, Jadot con 1 ettaro, Bruno Clair con 1 ettaro e Sylvie Esmonin con 1,60 ettari.

Ruchottes-Chambertin, Clos Des Ruchottes, Monopole, Grand Cru

Questo è un "monopolio" completo in cui Rousseau possiede una parte chiusa del grand cru più grande. Ruchottes-Chambertin misura 3,30 ettari, di cui 1,06 ettari sono racchiusi da un muro di pietra chiamato Clos des Ruchottes e di proprietà al 100 % di Rousseau. Questa potrebbe anche essere la parte migliore del vigneto Ruchottes-Chambertin, da cui Rousseau offre un vino noto per l'abbondanza di complessità e grande finezza.

Clos De La Roche Grand Cru

Clos de la Roche è l'unico pacco che Armand Rousseau ha al di fuori di Gevrey-Chambertin. Rousseau ha due pacchi a Clos de la Roche, che si trova a Morey-Saint-Denis. Rousseau sceglie di raccogliere le uve dalle due parcelle e vinificarle insieme. In totale, Clos de la Roche misura 16,90 ettari e Rousseau possiede 1,48 ettari in totale. Altri importanti produttori di qui sono Domaine Ponsot, che possiede ben 3,31 ettari, così come Dujac, Cocquard-Loison-Fleurot, Lignier e non ultimo Leroy.

Mazy-Chambertin Grand Cru

Mazy-Chambertin è il più settentrionale dei vigneti Grand Cru a Gevrey-Chambertin, dove Rousseau ha un piccolo appezzamento di 0,53 ettari. Lo stile è spesso con una buona struttura e intensità di sapore, ma senza la finezza che si trova in Chambertin. In totale, il vigneto misura 9,1 ettari ed è ufficiosamente diviso in una metà superiore e inferiore. Rousseau ha il suo vigneto nella metà inferiore, dove i vini sono meno intensi.

I vini più famosi di Mazy-Chambertin sono d'Auvenay da 0,26 ettari e Faiveley, che produce un vino pregiato dai suoi 1,56 ettari.

Charmes-Chambertin Grand Cru

A Charmes-Chambertin Armand Rousseau possiede tre parcelle, una delle quali si trova a Mazoyeres-Chambertin, ma può essere miscelata con le uve di Charmes-Chambertin. Ciò è dovuto alla legislazione del momento in cui le regole di denominazione sono state scritte nel 1936. Pertanto, è il più grande Grand Cru di Gevrey-Chambertin, di cui Armand Rousseau possiede solo 1,37 ettari in totale. Ci sono molte belle versioni di questo vigneto, la più desiderabile è Dugat-Py da 0,72 ettari e Dujac dai suoi 0,70 ettari.

Il futuro del Domaine Armand Rousseau

Con Cyrille (classe 1988) al timone, l'immediato futuro dell'azienda di famiglia Rousseau è sotto controllo. I cambiamenti che Eric Rousseau ha introdotto nei vigneti hanno portato la qualità a nuovi livelli e non c'è dubbio che siamo sulla giusta direzione. Questi vini godono di grande fama oggi e la loro posizione al vertice sarà difficile da sfidare.

Oggi Domaine Armand Rousseau si colloca tra i più grandi nomi in assoluto. Un confronto diretto con Domaine de la Romanée-Conti, Domaine Leroy e altri luminari può essere giustamente fatto. È naturalmente la varietà di vigneti di Rousseau che li mantiene al top, ma anche la loro capacità di esprimere le uve che raccolgono.

Domaine Armand Rousseau ha aumentato la qualità per diversi anni con Eric Rousseau al timone, ma con la figlia ben istruita, stanno accadendo cose nuove nel dominio. Da quando Cyrille Rousseau è entrato a far parte del vigneto e della cantina dall'annata 2012, i processi si sono perfezionati. La critica parla di vini che sono più precisi nella loro espressione e che riescono a mostrare il carattere dell'annata senza compromettere l'espressione del vigneto. In Rousseau, questo si riflette nelle recensioni, che stanno solo migliorando. Interpellati direttamente, rispondono con la loro solita umiltà: "Facciamo quello che facciamo da sempre".

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile