Articolo - RareWine Academy

Il Mito Di Cristal: Limpido, Esclusivo E A Prova Di Manomissione

Leggi la storia di come uno zar russo ha dato il via alla creazione di Cristal, oggi ambito e amato in tutto il mondo.

«Un vino di puro piacere e un vino gastronomico sofisticato, Cristal

è potente e delicato, combina sottigliezza e precisione.

»— Jean-Baptiste Lécaillon, Maestro di Cantina.

 

Per più di 100 anni Cristal ha trionfato tra gli amanti dello champagne di tutto il mondo. L'iconico cellophane dorato protegge la bottiglia acclamata dalla critica dalla luce dannosa mentre segnala stravaganza, mito e gloria. Cristal nasce dal desiderio di raggiungere la perfezione. Ma la storia di Cristal non è tutta oro e lusso - è la storia di un potente zar, la sua passione per le bolle francesi e la paranoia giustificata.

Ciò Che Lo Zar Vuole, Lo Zar Otterrà

È strano pretendere un lusso quasi utopico quando chiami casa il Palazzo d'Inverno? Almeno questo è ciò che fece lo zar Alessandro II di Russia quando, nel 1876, si avvicinò a Louis Roederer con il desiderio di avere il miglior Champagne che il mondo avesse mai visto.

Pochi dicono di no a uno zar. E certamente non quando lo Zar è già un entusiasta consumatore di Champagne. E così è iniziata la produzione di Cristal - uno dei migliori champagne del mondo.

Era tipico per le grandi tenute di champagne non possedere molti vigneti in quel momento. Tuttavia, già in questa fase iniziale, Roederer si distingueva dagli altri produttori per la proprietà di diverse tenute.

La famiglia ebbe la lungimiranza di iniziare ad acquistare questi vigneti nel 1840, il che significava che una conoscenza delle migliori parcelle, le quali alla fine hanno ricevuto la classificazione grand cru quando quel sistema è stato introdotto in Champagne. Dopodiché, tutto ciò che rimaneva era il lavoro in cantina.

Paranoia In Piena Fioritura

Lo zar Alessandro II visse in un momento turbolento in cui gli omicidi non erano rari. Quindi naturalmente era sempre in guardia - anche quando lo Champagne veniva bevuto. Pertanto, fece richieste quasi assurde per ideare la bottiglia per la quale Louis Roederer era stato incaricato di produrre il liquido.

Lo zar chiese che la bottiglia fosse fatta di cristallo chiaro in modo da poter vedere che il vino era puro e senza alcuna traccia di veleno. Inoltre, ha insistito sul fatto che il fondo della bottiglia fosse completamente piatto in modo che una bomba non potesse essere nascosta sotto di essa.

Infine, naturalmente, voleva un'etichetta d'oro per segnalare l'esclusività quando lo zar serviva lo Champagne a sé stesso e ai suoi ospiti. E anche con questi requisiti particolari, Cristal è diventato una realtà.

Cristal

Dal Cristallo Al Vetro E Il Palazzo d'Inverno Al Pubblico

Oggi la bottiglia non è più fatta di cristallo ma di vetro trasparente che rivela il contenuto. E sebbene l'imminente paura dell'assassinio non aleggi più intorno alle bottiglie di Cristal, il fondo piatto è stato preservato. Per proteggere lo Champagne dai dannosi raggi UV, Cristal è ora avvolto in cellophane dorato.

C'erano le ragioni per essere paranoici, e infatti un assassinio sarà in effetti la fine dello zar Alessandro II nel 1881. E sebbene l'assassinio non sia stato effettuato con lo Champagne come arma, la storia dello zar è scritta nel Cristal. E poiché Louis Roederer creava fantastici Champagne, scelsero di commercializzare Cristal a livello globale nel 1945, anche se la Rivoluzione russa pose fine al regno dello zar.

Cristal Oggi

Oggi, Cristal è ancora prodotto dai migliori vigneti Grand Cru, che Louis Roederer possiede in sette diversi comuni. La produzione non segue una ricetta rigorosa ma è sempre adattata all'annata. Questo metodo è anche il motivo per cui la produzione di spumante è descritta come un'arte.

Il maestro di cantina Jean-Baptiste Lécaillon e la sua squadra assaggiano tutti i diversi vigneti di proprietà di Louis Roederer. Solo i migliori vini saranno utilizzati per Cristal. Questi vini provengono da diverse centinaia di lotti di proprietà di Roederer. Vengono degustati dopo la fermentazione, dove sono ancora vini bianchi con elevata acidità e basso contenuto alcolico - il cosiddetto Vin Claire. Quando il blend è finito, si può dire da dove provengono le uve e l'esatta composizione nell'edizione di quest'anno di Cristal.

Nella stragrande maggioranza delle annate, c'è una leggera preponderanza di Pinot Nero nel blend rispetto allo Chardonnay. Ci sono spesso fino a 50 particelle diverse che hanno fornito le uve. Nella maggior parte dei casi, le uve vengono selezionate dalle diverse particelle in base a ciò che l'annata ha da offrire. Tutti gli appezzamenti che danno uva a Cristal sono coltivati in modo biodinamico dal 2012.

Dopo l'assemblaggio, il vino viene affinato con le sue fecce fini per sei anni prima della sboccatura. Questo processo crea equilibrio e intensità nel vino.

Cristal

Louis Roederer E La Biodinamica

Per Louis Roederer, la sostenibilità è essenziale. I migliori vigneti sono coltivati in biodinamico, come nel caso di Leflaive e Domaine Leroy in Borgogna. Inoltre, Roederer ha un atteggiamento olistico nei confronti del loro uso dell'acqua e di altri mezzi in cantina e nei vigneti. Oggi, Roederer ha il terzo più ampio stock di vigneti da agricoltura biologica in Champagne.

La produzione totale di Cristal non è, ovviamente, del tutto nota. Tuttavia, è sotto 1 milione di bottiglie all'anno, rendendolo una produzione piuttosto piccola per una cuvée di prestigio. In confronto, Dom Pérignon ha probabilmente prodotto più di 5 milioni di bottiglie all'anno.

Le Incredibili Varianti Di Cristal

Quando il successo è confermato, riposare sugli allori non è un'opzione. Almeno non per Louis Roederer, che si sforza sempre di ottenere il meglio. Ecco perché Cristal è prodotto in diverse varianti, ma ovviamente solo nelle migliori annate.

Cristal Rosé

Per molti anni c'è stato un solo Cristal, ma nel 1974 è arrivata sul mercato la prima versione rosata di Cristal. Viene prodotto in quantità ancora minori rispetto al classico Cristal. In Champagne, il rosato può essere fatto mescolando il vino rosso con il vino bianco o lasciando le bucce con il mosto per un breve periodo. Il Cristal rosé è prodotto con il metodo Saignée, che prevede la miscelazione di vino rosso con vino bianco. Si fa prima che il vino subisca una rifermentazione in bottiglia in cantina.

Cristal Vinotheque

Cristal Vinothéque è una versione speciale che mostra la capacità di Cristal di invecchiare in bottiglia. I vini selezionati per la serie Vinothéque vengono sboccati dopo circa dieci anni in cantina con un dosaggio leggermente inferiore. Vengono poi rimessi nelle cantine perfette di Louis Roederer per altri dieci anni prima di essere immessi sul mercato in piccole quantità. Questa è la manifestazione suprema di Cristal.

Cristal Rosé Vinothéque

Cristal Rosé Vinothéque è praticamente identico alla versione sopra. Il vino trascorre molto tempo in cantina dopo la sua seconda fermentazione. Viene quindi sboccato a un dosaggio inferiore e le bottiglie vengono nuovamente messe in riserva in cantina. Successivamente, possono essere immessi sul mercato aperto con la denominazione Vinothéque – esempio estremo di ciò che il Rosé Cristal può fare. Il risultato è una piccola quantità di altissima qualità, invecchiata in perfette condizioni.

Cristal

La Casa Dietro Cristal Champagne

Cristal è la Prestige Cuvée della Maison Champagne Louis Roederer. La maggior parte delle grandi case hanno un vino che è il loro migliore in assoluto, e spesso è quello che le rende famose. Per Louis Roederer, Cristal ha ricoperto questa posizione da quando lo zar ha ordinato la prima annata nel 1876. In altre case di champagne, l'uva spesso deve essere acquistata per i migliori vini. Tuttavia, a Roederer, c'è sempre stata l'ambizione di possedere gran parte dei suoi vigneti. Ciò dà loro il controllo completo sia sulla qualità che sullo sviluppo dei prezzi. Roederer possiede più di 240 ettari di vigneti distribuiti su più di 410 particelle. Tutti i vigneti sono coltivati biologicamente e i migliori, che forniscono le uve per Cristal, sono coltivati in regime biodinamico.

La cantina è stata fondata nel 1776 come Dubois Pére et fils. Tuttavia, ha preso il suo nome attuale quando il signor Louis Roederer ereditò la casa nel 1833. Da allora, è rimasto nelle mani della famiglia.

Louis Roederer era un uomo visionario e capì che i vigneti erano il fattore più critico per produrre il miglior Champagne. Pertanto, ha acquistato i vigneti nelle migliori posizioni della regione.

Oggi Louis Roederer è una delle principali case di champagne in assoluto. I loro vini sono considerati punti di riferimento nelle loro categorie. Più di recente, Roederer si è reso conto che il cambiamento climatico consente di produrre vini fermi ad alto livello. Ecco perché hanno fatto rivivere la vecchia denominazione Coteaux Champenois, che si applica ai vini rossi e bianchi prodotti nella regione dello Champagne.

Champagne Louis Roederer fa oggi parte del gruppo Roederer Collection. Possiedono e gestiscono famose case vinicole in Champagne come Roederer, Deutz e molti altri. Inoltre, possiedono Ramos Pinto in Portogallo, Diamond Creek nella Napa Valley, Delas nella Valle del Rodano e Domaine Ott in Provenza. Tutti sono tra i migliori nelle rispettive aree.

Sì, Cristal È Davvero Così Buono

Tra le molte cuvée di prestigio sul mercato dello champagne, Cristal è in cima. Può svilupparsi in modo significativo nel tempo mentre si gusta eccellentemente fin dall'inizio. Alla Louis Roederer, nel corso degli anni hanno avuto la capacità di mantenere la qualità assolutamente al top in tutte le annate rilasciate. Pertanto, raramente si parla negativamente di Cristal.

Inoltre, il mondo della musica e la scena hip-hop hanno avuto un ruolo significativo per lo sviluppo della fama di Cristal. L'intero ambiente ha posto lo Champagne in alto su un piedistallo e da allora Cristal è diventato il simbolo ultimo del successo. Nella hit di Jay-Z del 1998 "Hard Knock Life", una riga recita "And sip the Cris' and get pissy-pissy", e non era l'unico rapper di spicco che amava Cristal. Anche Kanye West, 50 Cent, e Mos Def hanno dimostrato il loro amore per questo champagne.

Il mondo può ringraziare uno zar russo - giustamente - paranoico per aver messo al mondo Cristal. Prima per la gioia degli ospiti al Palazzo d'Inverno, ora per la soddisfazione di tutti coloro che hanno la fortuna di mettere le mani su una bottiglia di vetro trasparente avvolta in cellophane, con fondo piatto e iconica etichetta dorata.

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile