Articolo - RareWine Academy - 19. gennaio 2021

Madame Lalou Bize-Leroy - La Donna Più Potente del Mondo del Vino

Madame Lalou Bize-Leroy è, sotto qualsiasi punto di vista, una vera leggenda quando della produzione di vini Borgogna leggendari. Ecco un omaggio a "La Regina di Borgogna"...

"Non ci sono vinificazione ed enologi in Borgogna! Siamo guardiani. Guardiamo, osserviamo, prendiamo alcune decisioni ma sono le uve che vengono prima di tutto - ci guidano. Il nostro compito è guardare, osservare e cercare di capire.

Madame Lalou Bize-Leroy, in un'intervista del 2017 a Forbes.

Madame Lalou Bize-Leroy - "La Regina di Borgogna"

Madame Lalou Bize-Leroy è stata ampiamente conosciuta per anni come la "Regina di Borgogna" e una delle donne più potenti del vino. Oggi è dietro la produzione del vino rosso più costoso al mondo, così come a quella di vini bianchi che portano lacrime di gioia anche ai più grandi amanti del vino – quei pochi che hanno la fortuna di avvicinarsi anche solo ad un calice di vini questi vini leggendari. A 89 anni (nata il 3 marzo 1932), Madame Lalou Bize-Leroy è davvero una leggenda vivente, ed è ancora attiva sia nei vigneti che nella tenuta.

Poche persone hanno influenzato la fama della Borgogna tanto quanto Henry Jayer, Anne-Claude Leflaive e poi Madame Lalou Bize-Leroy. E se il grande Henry Jayer è spesso indicato come il "Re di Borgogna", sicuramente Madame Leroy deve essere considerata come legittima erede al trono e "Regina di Borgogna".

Madame Lalou Bize-Leroy: Un'Imprenditrice Senza Compromessi

Se guardiamo alla situazione attuale per un momento, madame Leroy, 89 anni, è responsabile di non meno di tre società: l'azienda Maison Leroy, e i Domaine d'Auvenay e Domaine Leroy. L'ultimo citato è il nome nell’etichetta del vino più costoso del mondo, prodotto sul quasi mitico vigneto Grand Cru Musigny. L’annata 2015 di questo vino è scambiata per circa € 40.000.

L'attività della Maison Leroy è puramente commerciale, così come conosciuto in Borgogna. Qui, Madame Lalou Bize-Leroy gestisce l'attività di negoziazione con tutti i suoi valori in mente, acquistando solo le migliori uve. La maggior parte dei vini sono prodotti da uve provenienti da parcelle dove Bize-Leroy e chi per lei curano le viti stesse per tutta la stagione. Ciò garantisce materie prime di altissima qualità.

Domaine Leroy è stata fondata nel 1988, poiché Madame Leroy ha avuto problemi ad acquistare abbastanza uva per la sua attività di negoziazione. Ha acquisito il Domaine George Noellat e quindi ha ottenuto i primi vigneti del portafoglio, che da allora è stato ampliato da ulteriori acquisizioni. Oggi, Domaine Leroy possiede circa 23 ettari di vigneti in alcuni delle zone più attraenti della Borgogna.

Domaine d'Auvenay è la casa di campagna dove Lalou Bize-Leroy vive da sola. La tenuta si trova sulle colline dietro il pendio dorato di Saint-Romain. Madame Leroy vive qui con suo marito, ed insieme a lui gestisce questo micro-domaine secondo principi biodinamici. In totale, il dominio ha poco più di 4 ettari, rendendolo una produzione microscopica.

Tutte e tre le aziende sono gestite secondo principi biodinamici. Vengono utilizzate le giuste preparazioni e il vino viene prodotto solo quando le stelle e la luna sono nella giusta posizione. Tutti i vini devono essere considerati come punti di riferimento in Borgogna e sono prodotti solo in piccolissime quantità.

Domaine Leroy Selezione di vini-mito del Domaine Leroy

Battezzata Nel Mitico Vino Rosso - La Storia di Madame Bize-Leroy

Marcelle "Lalou" Bize-Leroy nacque nel 1932 da una vera e propria famiglia vinicola. L'azienda di famiglia, Maison Leroy, fu fondata dal suo bisnonno nel 1868. Il padre di Lalou, Henri Leroy, decise fin dalla nascita di "battezzare" sua figlia con le preziose gocce di vino della famiglia dal leggendario vigneto Musigny. Così, le poneva qualche goccia dell'annata 1929 di Musigny sulle labbra, perché le restasse impresso fin da tenera età che il vino doveva occupare un posto molto speciale nella sua vita. All'età di 23 anni, Lalou era già coinvolta nell'attività quotidiana della cantina di famiglia.

Possiamo quindi dire che l'avventura è stata completata nel modo più bello quando nel 2018, dopo oltre 20 anni sul trono come vino più costoso del mondo, Lalou è riuscita a detronizzare il Domaine de la Romanée-Conti – ed è stato proprio il suo vino Musigny a farlo.

Madame Leroy Responsabile del Domaine De La Romanée-Conti

Come se ciò non bastasse, la storia dell'importanza della signora Leroy per la Borgogna si rafforza esaminando il suo CV in modo più dettagliato. Oltre alla Maison Leroy, la famiglia possedeva anche il 50% del Domaine de la Romanée-Conti  (DRC), che all'epoca era già considerato uno dei principali produttori della Borgogna.

DRC divenne la seconda casa di Lalou, dove fece il suo apprendistato e fu istruita da suo padre Henri. Quindi, era naturale che fosse promossa co-manager nel 1973, insieme al noto Aubert de Villaine, che ancora oggi dirige il DRC. Negli anni seguenti, i due insieme sollevarono il DRC per farlo arrivare alla super lega assoluta dei produttori – dove, ancora oggi, il DRC si trova. Insieme, Villaine e Leroy hanno introdotto metodi di coltivazione biologici, oltre a una precisione ancora maggiore in vigna e cantina. Nel 1992, Lalou ha smesso di lavorare per il DRC, e Aubert de Villaine gestisce la tenuta da allora. Ad oggi, Madame Leroy possiede il 25% della DRC, ma non partecipa all'attività quotidiana.

Maison Leroy

Nel 1955, la Signora Leroy si è presa la responsabilità della Maison Leroy e ha iniziato a insistere per migliorare la qualità. All’epoca non era facile per una donna di principio trovarsi a livello esecutivo, ma Lalou ha fatto e fa ancora le cose a suo modo, determinata nelle sue convinzioni. Così, decise fermamente di acquistare solo le migliori uve in assoluto, evitando i famosi cloni Pinot Nero che davano rese elevate ma di bassa qualità.

La selezione senza compromessi delle uve ha portato ad annate con poche bottiglie in vendita, ma il suo talento innato e il suo impegno per la qualità si sono rivelati fruttuosi nel tempo. Oggi Maison Leroy è sinonimo di alcuni dei migliori vini della Borgogna, e persino di vini che sono in ottimo equilibrio e con un grande potenziale di sviluppo.

Domaine Leroy

Nel 1988, Bize-Leroy acquisisce i suoi primi vigneti e fonda il Domaine Leroy. Qui, Lalou introdusse la coltivazione biodinamica, interamente secondo i principi di Rudolf Steiner – e la Madame fu quindi uno dei primi produttori di alto livello in Borgogna a compiere passi così drastici.

All'inizio, la gente scosse la testa, come già aveva fatto nel 1993. Quell’anno, un alto livello di umidità sulla Côte d'Or causò una rapida diffusione di muffa nei vigneti. I viticoltori convenzionali spruzzarono le proprie vigne, ma i principi biodinamici di Madame Bize-Leroy le proibirono di spruzzare, e perse gran parte della vendemmia. Alla fine, quando la sua microscopica quantità di vino del 1993 arrivò sul mercato, la qualità era esattamente il livello superiore che voleva. Con il suo cinismo e l'adesione al principio, non ha sempre fatto amicizia nel quartiere, ma i suoi vini guadagnano lodi da ogni angolo del mondo.

Oggi, Madame Bize-Leroy possiede circa 23 ettari di vigneti dove vengono raccolte le uve per Domaine Leroy. Tra questi ci sono alcuni dei vigneti più importanti come Chambertin, Musigny, Richebourg e altri vigneti Gran Cru. La bellissima collezione conta anche una vasta gamma di vigneti Premier Cru superiori di Borgogna.

Domaine d'Auvenay

Il Domaine d'Auvenay è l'ultimo progetto di Madame Lalou Bize-Leroy. È in questo domaine che Lalou vive con suo marito e realizza le sue produzioni più piccole. La tenuta si trova a Saint-Romain e ha quattro ettari di vigneti che vengono imbottigliati sotto questo nome. Queste microproduzioni sono anche tra le più ricercate nel mondo del vino per la loro alta qualità e piccole produzioni. Le produzioni devono essere contate in barili singoli. Inoltre, Lalou ha acquistato parcelle in alcuni dei migliori vigneti della Borgogna, tra cui: Chevalier-Montrachet, Criots-Bâtard-Montrachet e Bâtard-Montrachet come i tre vigneti di vino bianco più belli; Bonnes Mares e Mazis-Chambertin, i due eccezionali vigneti Grand Cru da cui viene prodotto vino rosso. È difficile immaginare materie prime migliori e, quando interpretate con il solito occhio di Lalou per la perfezione, abbiamo di fronte vini di altissimo livello.

Madame Lalou Bize-Leroy Madame Lalou Bize-Leroy - la donna più potente del mondo del vino.

Confronti Futuri e Asset d’Investimento

Beh, la cara Madame Leroy ha da poco compiuto 89 anni, ma non c'è alcuna indicazione che intenda riposare sugli allori. Tutto è pronto e le sue parcelle sono posizionati prepotentemente nelle migliori aree della Borgogna. Coltivate secondo principi biodinamici per diversi decenni, le parcelle di Lalou hanno creato una ricca fauna selvatica nei vigneti. In questo modo, i vigneti raggiungono un buon equilibrio, che aiuta a rafforzarne il sistema immunitario. Di conseguenza, i vigneti non sono più così suscettibili alla muffa, come lo furono nel 1993. Infatti, questo prezioso equilibrio naturale in vigna protegge da molte delle classiche malattie del vino come le conosciamo.

Negli ultimi anni, i vini del Domaine Leroy in particolare sono stati tra quelli che hanno registrato i maggiori aumenti di prezzo e hanno mostrato la massima resilienza alle crisi esterne, come Covid-19. Si è già speculato sul fatto che verrà il giorno in cui madame Leroy si ritirerà dal lavoro per godersi la vita e le bellezze della Borgogna, e in quel momento vedremo una distinzione netta tra prima e dopo "Madame Leroy". I vini che ha prodotto da sola aumenteranno in modo sproporzionato di prezzo rispetto ai vini che verranno dopo. Quindi ecco un'opportunità per fare un ottimo investimento prima che sia troppo tardi - se sei abbastanza fortunato da avvicinarti ai leggendari vini di Lalou.

Madame Leroy in cima alla lista di Power 100

Ogni anno a gennaio, la borsa del vino britannica, Liv-Ex, pubblica una lista dei 100 marchi più potenti nel mondo del vino (chiamata Liv-ex Power 100), e la lista di quest'anno è appena stata rivelata. La lista Liv-ex Power 100 per il 2020 è sormontata niente meno che da Domaine Leroy, l'ennesima testimonianza che Madame Leroy è di gran lunga la donna più potente del mondo del vino. Nel 2019, Domaine Leroy si trovava al terzo posto e, inoltre, e quest’anno, per il terzo anno consecutivo, Domaine Leroy si trova tra i primi 5 nella lista Liv-ex Power 100.

Tra i criteri su cui si basa l'elenco figurano l'evoluzione dei prezzi su base annua, il valore commerciale, l'attività commerciale, il numero di vini, il numero di annate e il prezzo medio di tutti i vini del produttore in questione.

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile