Articolo - RareWine Academy

Domaine Leflaive: Tra I Più Grandi In Borgogna

Biodinamica, Sostenibilità E Sagge Decisioni Hanno Assicurato Lo Status Di Stella Al Domaine Leflaive Tra Gli Amanti Del Vino Di Tutto Il Mondo.

Domaine Leflaive E Biodinamica

Quando si parla dei migliori bianchi di Borgogna, la conversazione menzionerà inevitabilmente Domaine Leflaive, un produttore che ha dimostrato come il vino bianco abbia un giusto posto sul gradino più alto del podio. In effetti, per decenni, il duro lavoro e la dedizione della leggendaria Anne-Claude Leflaive sono stati più che fondamentali per la reputazione di questo dominio. 

Anne-Claude Leflaive ha mostrato cosa succede quando si passa dalla produzione convenzionale a quella biodinamica se si possiedono alcuni dei migliori vigneti del mondo. I vini passano dall'essere eccellenti ad avere un proprio carattere ben specifico. Domaine Leflaive e Domaine Leroy hanno iniziato il passaggio dalla produzione convenzionale a quella biodinamica in parallelo, e insieme hanno dimostrato al mondo che la biodinamica è una buona scelta quando la qualità è più importante della quantità.

Domaine Leflaive Dall'inizio Ad Ora

Domaine Leflaive prese forma negli anni successivi alle devastazioni della fillossera in Borgogna dal 1875 in poi. Era un periodo difficile per la gente del posto, dove i vigneti giacevano deserti e nessuno voleva coltivarli. All'inizio del XX secolo, Joseph Leflaive acquistò 25 ettari a Puligny-Montrachet e dintorni. A seguito di questa acquisizione, Joseph Leflaive ha iniziato a reimpiantare e selezionare i portinnesti perfetti per ogni terroir, creando il terreno fertile per i primi vini di punta del Domaine Leflaive. 

Nel 1953, Joseph Leflaive morì, ma fortunatamente aveva insegnato ai suoi due figli il suo mestiere in modo che potessero continuare con successo ciò che lui aveva iniziato. Vincent e Jo Leflaive hanno rilevato vigneti buoni e sani e con la loro attenzione ai dettagli in cantina hanno reso il nome di famiglia ancora più solido. Infatti, già a quel tempo, i vini della famiglia Leflaive erano considerati punti di riferimento per gli altri produttori della zona. 

Investi in Domaine Leflaive

Gestire L'azienda Di Famiglia

Nel 1973, la famiglia decise di cambiare la proprietà dell'azienda in modo che non fosse divisa nel corso delle generazioni. Con il senno di oggi è stata una decisione più che sensata, che ha permesso a Domaine Leflaive di rimanere nella proprietà della famiglia. Molte famose proprietà familiari sono state suddivise in atomi in questi anni a causa delle leggi francesi sull’eredità, rendendo la base finanziaria sempre più complicata. 

Nel 1986, il figlio di Joseph, Olivier Leflaive, fu nominato co-gestore del dominio insieme a suo zio Vincent. Questa collaborazione continuò fino a quando la figlia di Vincent, Anne-Claude Leflaive, entrò a far parte del gruppo di gestione nel 1990, insieme a Olivier. 

Biodinamica Introdotta Da Madame Anne-Claude Leflaive

Anne-Claude Leflaive ha rappresentato la generazione successiva che ha svolto un ruolo importante nel Domaine Leflaive che conosciamo oggi. 

Anne-Claude è diventata manager con suo zio Olivier Leflaive nel 1990 e fin dall'inizio ha contribuito a elevare i vini della tenuta a un nuovo livello. Dal 1993, Anne-Claude ha gestito lei stessa il dominio e ha convertito tutti i vigneti all'agricoltura biodinamica. I vini che sono usciti dal dominio durante questo periodo hanno contribuito a convincere altri produttori a percorrere questa strada per elevare la produzione da buoni vini a vini sublimi. 

Anne-Claude, insieme a Madame Lalou Bize-Leroy, erano conosciute come due donne progressiste e intransigenti che, con una visione condivisa, hanno avuto un impatto importante sull'introduzione della biodinamica in Borgogna. Oggi la maggior parte dei migliori produttori in Borgogna segue questo modo di pensare in misura maggiore o minore. 

Leflaive Modernizzato Nello Spirito Biodinamico Della Famiglia

Purtroppo, Anne-Claude è morta all'età di soli 59 anni nel 2015 a seguito di un cancro. Da allora, il pronipote di Joseph Leflaive, Brice de La Morandiere, è stato la forza trainante. Brice continua nello stesso stile di Anne-Claude, e anche nelle annate difficili, il calendario biodinamico e l'approccio senza compromessi vengono mantenuti. 

Brice de la Mondarie è affiancato in cantina dal signor Pierre Vincent. Pierre Vincent è entrato a far parte di Domaine Leflaive nel 2005 da una posizione simile a Domaine de la Vougeraie. È uno specialista nella lavorazione dei vini biodinamici ed è per questo che Anne-Claude Leflaive lo ha assunto in primo luogo. 

Brice Pierre ha Vincent con sé sia in vigneto che in cantina. Vincent ha anche lavorato a stretto contatto con Anne-Claude Leflaive. Oggi hanno costruito una cantina basata sulle idee di Anne-Claude. Ha la forma di un uovo in modo che l'energia in cantina, secondo Anne-Claude, scorra in modo ottimale.

La biodinamica crede nelle diverse energie del suolo e nel modo in cui influenzano il mosto durante il processo di vinificazione. In un contenitore a forma di uovo, ciò che accade è che il vino non sta mai fermo, ma è in costante movimento. Il movimento è il risultato della rotazione della terra e della forma del contenitore. 

Anche Brice de la Morandiere sta lasciando un suo segno forte nell’azienda, e sia la struttura che la cantina sono state modernizzate nello spirito di famiglia. Sostenibilità e minimo impatto ambientale sono la visione di Leflaive, che viene seguita in ogni fase del processo di vinificazione.

Dopo un periodo di problemi con l'ossidazione prematura di diversi vini, Brice ha anche implementato un nuovo tappo e nuovi metodi di vinificazione per ridurre l'ossidazione prematura dei vini. Inoltre, è stato incaricato di espandere le proprietà terriere sia a Puligny-Montrachet che più a sud in Borgogna con Macon come punto focale. 

Investi in Domaine Leflaive

Tutto Inizia Sul Campo

Domaine Leflaive oggi ha alcuni dei migliori vigneti della Borgogna per la produzione di vino bianco. I loro vigneti a denominazione Grand Cru meritano una breve recensione qui. 

Il vigneto Montrachet è il Santo Graal del vino bianco - il vigneto meglio posizionato in Borgogna per coltivare Chardonnay, e quindi il miglior vigneto al mondo per il vino bianco. È circondato da vigneti Grand Cru, che producono anche vini di altissimo livello. Anche se raramente allo stesso alto livello di Montrachet stesso. 

Domaine Leflaive ha il privilegio di possedere appezzamenti su quattro di questi cinque vigneti Grand Cru. Su tutte le parcelle, Leflaive è considerato uno dei migliori produttori, ma ci sono altri grandi vini provenienti da qui. 

Montrachet, Gran Cru

L'intero vigneto Montrachet misura otto ettari, che sono divisi equamente tra i comuni di Chassagne e Puligny, entrambi con il cognome Montrachet. Non c'è differenza qualitativa tra le due parti della tenuta, e il vigneto è condiviso tra 16 diversi proprietari, ognuno dei quali realizza la propria cuvée. Inoltre, le uve vengono regolarmente vendute ai principali negozianti; quindi, ci possono essere fino a 20 vini diversi sul mercato in una grande annata. 

Sul versante Chassagne-Montrachet, Leflaive possiede 0,081 ettari di vigneti piantati nel 1960. Leflaive è uno dei vinificatori più talentuosi dell’area di Montrachet, in stretta competizione con Ramonet, Lafon e Domaine de la Romanée-Conti. 

Chevalier-Montrachet, Grand Cru

Chevalier-Montrachet misura quasi 7,5 ettari ed è considerato il migliore degli altri vigneti qui. Qui, Leflaive ha 1,83 ettari distribuiti su tre parcelle, che sono raggruppate nella parte superiore e centrale del campo. Le viti sono state piantate tra il 1955 e il 1980.

Qui Leflaive è il secondo più grande proprietario terriero - secondo solo a Bouchard Père & Fils. Oltre ai migliori vini di Leflaive, Domaine d'Auvenay, Ramonet e Louis Latour forniscono anche favolosi vini di Chevalier-Montrachet. 

Bâtard-Montrachet, Grand Cru

Bâtard-Montrachet misura quasi 12 ettari ed è quindi il più grande di questi vigneti Grand Cru. Come Montrachet, è divisa tra Puligny e Chassagne. Naturalmente c'è più variazione di qualità qui a causa delle dimensioni del campo - ma i migliori vini sono di altissimo livello. 

Uno dei migliori vini di questo vigneto proviene da Leflaive, che pratica la sua magia del vino su 1,91 ettari distribuiti su quattro parcelle, di cui due a Chassagne e due a Puligny-Montrachet. Le viti sono state piantate tra il 1962 e il 1989.

Ai massimi livelli ci sono anche Domaine de la Romanée-Conti, Pierre-Yves Colin-Morey e Domaine d'Auvenay, che gioca insieme a Bâtard-Montrachet.

Bienvenues-Bâtard-Montrachet, Grand Cru

Leflaive è il più grande detentore di Bienvenues-Bâtard-Montrachet. Le viti, piantate nel 1958, si trovano sugli 1,15 ettari di Leflaive situati nella parte settentrionale della denominazione. Il suolo fa parte di Bâtard-Montrachet, anche se i vini prodotti qui sono leggermente diversi.

Dal Grand Al Premier Cru - E Nuovi Vini In Cantiere

Oltre a questi quattro pregiati vigneti a denominazione Grand Cru, Domaine Leflaive possiede appezzamenti su cinque vigneti Premier Cru a Puligny-Montrachet, con Les Pucelles che è il più famoso. Possiedono anche alcuni lotti di denominazione del villaggio e un pacco all'interno di Puligny che non è classificato. Quest'ultimo produce il suo eccellente blanc di Borgogna. 

Per soddisfare una maggiore domanda e un mercato in crescita per i migliori vini bianchi della Borgogna, Domaine Leflaive ha ampliato la sua attività negli ultimi anni. Ora lavora anche su vigneti ad Auxey-Duresses, Macon e Pouilly-Fuissé. 

Futuro Forte E Promettente Per Domaine Leflaive

Il futuro di Domaine Leflaive sembra promettente in molti modi. I vini hanno un aspetto fantastico e ottengono punteggi elevati dai migliori critici di vino del mondo. Le nuove e più economiche proprietà terriere probabilmente permetteranno a Domaine Leflaive di raggiungere un pubblico più ampio. Una volta che più persone saranno esposte a un determinato marchio, vorranno naturalmente assaggiare il meglio del produttore. La domanda aumenterà - e così anche il prezzo. Con una migliore vinificazione e un approccio biodinamico, la qualità è garantita per molti anni a venire.

Come suggerisce il quadro descritto sopra, Domaine Leflaive è in buone mani – anche per il futuro. Ciò che Anne-Claude Leflaive ha costruito ha creato un nuovo livello di qualità. Nel mezzo di Puligny-Montrachet è stata innalzata una lapide commemorativa in onore di Anne-Claude Leflaive. Una pietra commemorativa a forma di uovo (ovviamente), seguendo le sue idee biodinamiche. Da qui può affacciarsi sul suo vigneto preferito Bâtard-Montrachet con Montrachet dietro di lei. In molti modi, ha contribuito a plasmare sia il passato che il futuro della Borgogna.

Brice de la Morandiere ha catturato l'anima e continua a lavorare affiancato dal gruppo giusto. I vigneti a cui la famiglia ha accesso sono di altissima qualità e con la curiosità di trovare nuovi luoghi, l'espansione sta avvenendo in modo sano e buono. La qualità viene mantenuta e i vini che escono a nome Domaine Leflaive sull'etichetta tengono il passo. 

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile