Articolo - RareWine Academy

Vosne-Romanée, Il Cuore Della Borgogna, Offre Esclusività, Potenza E Qualità Imponenti

La competizione in Borgogna è roboante, e Vosne-Romanée è considerata la migliore denominazione. Ci sono diverse ragioni per questo. Leggi di più qui.

I Magnifici Cinque In Borgogna

La Borgogna ospita alcuni dei migliori produttori di vino del mondo. La Borgogna è magia. E la Borgogna è complessità. Per avere una migliore panoramica della Borgogna e dei suoi migliori vini rossi, è necessario entrare nei dettagli. L'intera regione della Borgogna misura 230 chilometri da Chablis a nord a Macon a sud. Concentrandosi sulla Cote d'Or le dimensioni sono ridotte a 65 chilometri.

La Cote de Nuits a nord occupa 25 chilometri dei 230 chilometri, e questi possono essere ulteriormente ridotti a un tratto di soli 10 chilometri, dove si trovano le migliori denominazioni. La loro posizione è perfetta, anche se l'area è estremamente ridotta. I vini da qua hanno una produzione limitatissima ed una altissima qualità.

Questa serie di articoli si concentra sulle cinque denominazioni principali: Gevrey-Chambertin, Morey-Saint-Denis, Chambolle-Musigny, Vougeot e Vosne-Romanée. Il suolo e l'esposizione sono descritti e vengono evidenziati i principali vigneti Grand Cru e Premier Cru.

Vosne-Romanée - Il Meglio Della Borgogna

La competizione è enorme nei comuni in Borgogna, e ci vuole la perfezione per stare in cima al podio della produzione. Questo articolo metterà in evidenza la grandezza di Vosne-Romanée in particolare, e perché si erge al di sopra degli altri buoni comuni della Borgogna. La denominazione riguarda due comuni, che sono qui menzionati nello stesso articolo: Vosne-Romanée e il vicino comune Flagey-Echezeaux, entrambi parte della denominazione Vosne-Romanée.

Vosne-Romanée è la migliore denominazione in Borgogna. Romanée-Conti è il miglior vigneto Grand Cru e anche i vigneti Premier Cru mantengono un livello superbo. Il leggendario Cros Parantoux, reso famoso da Henri Jayer, si trova anch’esso a Vosne-Romanée. Anche sui 100 ettari di vigneti del Villaggio si producono vini interessanti.

Vosne-Romanée offre grandi produttori, di cui Domaine de la Romanée-Conti è al top, seguito da vicino da Liger-Belair, Leroy, Rouget e Cathiard, tra gli altri. Anche nuovi produttori come il giovane Charles Lachaux entrano in scena e mantengono il livello con una vinificazione radicata in nuove e vecchie idee, sia in vigna che in cantina - fortemente ispirata a Madame Lalou Bize-Leroy.

La qualità è eccezionalmente alta a Vosne-Romanée, e non c'è nulla che indichi che il futuro sia diverso.

Liger-Belair La-Romanée Liger-Belair La-Romanée

Suolo Ed Esposizione A Vosne-Romanée

La denominazione è incentrata su due raggruppamenti di terreni Grand Cru. Echezeaux si trova nel comune di Flagey-Echezeaux al confine con Vougeot. Appena a nord della stessa città di Vosne-Romanée si trova il raggruppamento intorno a Romanée-Conti. Quest'ultima parte si estende verso il comune di Nuits-Saint-Georges e i filari dei vigneti Premier Cru. Intorno a entrambi i centri dei  vigneti Grand Cru ci sono diversi vigneti Premier Cru, e più avanti lungo la strada principale c'è una percentuale maggiore di vigneti a denominazione Village. Gli ultimi vigneti sono sotto Nuits-Saint-Georges ma mantengono il fascino di Vosne-Romanée nei loro vini.

Gli amanti della Borgogna si riferiranno a Vosne-Romanée come il comune più esclusivo. Questo nonostante il fatto che ci siano meno vigneti Grand Cru che a Gevrey-Chambertin e meno ettari che a Corton.

È solo l'esperienza dei vini versati nel bicchiere che rafforza la percezione mitologica di Vosne-Romanée. Questi vini possono raggiungere un equilibrio di intensità e leggerezza, profondità e ariosità, succosità e serietà - il tutto senza compromettere la qualità.

Grand Cru a Vosne-Romanée

Ci sono un totale di sei vigneti Grand Cru a Vosne-Romanée e due a Flagey-Echezeaux. Quattro di questi hanno lo status di Monopole, il che significa che un produttore possiede l'intero vigneto. Questa è una rarità nei vigneti di alto livello. In questo caso, i due più importanti sono di proprietà di Domaine de la Romanée-Conti e altri due vigneti sono di proprietà di altri singoli proprietari. Inoltre, ci sono Echezeaux e Grands Echezeaux, due lotti che insieme coprono la maggior parte dell'area Grand Cru. In totale, ci sono più di 70 ettari di classificazione Grand Cru a Vosne-Romanée, di cui Echezeaux rappresenta quasi la metà.

Echezeaux

Echezeaux Grand Cru si trova nel comune di Flagey-Echezeaux e si estende per quasi 40 ettari. Con quella dimensione, c'è una variazione naturale sia nello stile che nella qualità dei vini che provengono da qui, e la più grande variazione è se le uve sono cresciute su o giù rispetto al pendio. In totale, il vigneto è diviso in 11 lieux-dits, ognuno con le proprie caratteristiche che definiscono lo stile di ogni produttore. Va detto che le capacità e le ambizioni del produttore per il suo vino, si collocano più in alto rispetto alla posizione specifica - il che non è insolito in Borgogna.

La parte più settentrionale del vigneto Echezeaux si chiama En Orveaux ed è adiacente alla parte di Musigny chiamata Combe d'Orveaux. En Orveaux è considerato uno dei migliori in assoluto insieme a Echezeaux du Dessus, che si trova appena sopra Grands Echezeaux, insieme a Les Poulailleres, dove anche il leggendario Domaine de la Romanée-Conti ha la sua parte del vigneto.

Con i suoi 40 ettari, Echezeaux è divisa in quasi 50 diverse proprietà. Diversi produttori possiedono parcelle in diverse parti del vigneto, da cui si fondono in un unico vino. Domaine de la Romanée-Conti è il più grande proprietario terriero di Echezeaux con 4,67 ettari, e sono anche riconosciuti per la produzione del miglior vino dal vigneto.

Ci sono naturalmente molti altri produttori eccezionalmente bravi a Echezeaux, e in particolare Emmanuel Rouget - con la parcella di suo zio Henri Jayer - sta guadagnando un grande riconoscimento internazionale.

Grands Echezeaux

I Grands Echezeaux non sono fisicamente più grandi degli Echezeaux, né si può dire definitivamente che i vini siano maggiori. Tuttavia, ci sono alcuni produttori - tra cui Aubert de Villaine di Domaine de la Romanée-Conti - che credono che i loro Grands Echezeaux abbiano più profondità di sapore. Il vigneto si trova tra gli Echezeaux e la parte migliore del Clos de Vougeot sottostante.

In totale, Grands Echezeaux misura 9,14 ettari, di cui Domaine de la Romanée-Conti possiede 3,53 ettari dalla parte centrale. Producono anche il miglior vino dal vigneto, anche se altri produttori riescono anche a sfruttare il dono che Grands Echezeaux dà: ad esempio, Mongeard-Mugneret produce anche un bellissimo vino classicamente equilibrato dai loro 1,44 ettari.

La Romanée-Conti – Il Simbolo Della Borgogna E Il Massimo Del Lusso

Romanée-Conti è l'essenza del massimo lusso, mistero e l'epitome della Borgogna. È la vigna dei sogni di ogni amante del vino. È il vigneto che eroga quasi 5.000 bottiglie all'anno, che non possono nulla nel placare l'inestinguibile sete di La-Romanée-Conti. Pochi ne toccheranno una bottiglia, e ancora meno avranno l'opportunità unica di assaggiarla.

Domaine de la Romanée-Conti possiede l'intero vigneto, su 1,81 ettari, un monopolo, proprio come La Tache Grand Cru. Una bottiglia di Romanée-Conti in una nuova annata costa anche 30.000 euro, e negli ultimi decenni Romanée-Conti si è classificata come i vini rossi più costosi al mondo.

Nel 1723 un'alta croce fu innalzata sul vigneto per onorare il proprietario in quel momento. Oggi, la croce segna la posizione del vigneto, ma è anche diventato un simbolo di fama mondiale dello stato sorprendente del vigneto.

Il posto di Romanée-Conti nei libri di storia è stato scritto fin dalle prime menzioni nel 1580. In tutti i casi, Romanée-Conti è stato indicato come il vigneto principale. Non solo a Vosne-Romanée, ma in tutta la Borgogna.

A Romanée-Conti riuscirono a mantenere le viti originali fino al 1945, prima di dover reimpiantare con radici americane come il resto d'Europa.

L'ultima annata 1945 ha prodotto solo uve sufficienti per due botti, che equivalgono a circa 600 bottiglie. Nel 2018, due bottiglie del 1945 sono state vendute da una rinomata cantina di Beaune, dove erano state da quando sono state acquisite. Il prezzo di vendita era di $ 558.000 a bottiglia, che è la bottiglia di vino più costosa mai venduta.

Il Domaine è un indicatore di qualità per sé. La domanda allora diventa: quanto è alto il limite per una bottiglia di vino? In questo caso ci sono stati diversi fattori che hanno fatto salire il prezzo. Una provenienza perfetta, che è fondamentale per ottenere il prezzo più alto. La bottiglia è stata acquistata giovane nel Domaine e trasportata solo pochi chilometri in una cantina perfetta a Beaune. Il fatto che il vino provenisse anche da un'annata così mitica ha fatto salire il prezzo al cielo.

La Romanée-Conti

Romanée-Saint-Vivant

Romanée-Saint-Vivant è un vigneto con diversi proprietari, situato sotto Romanée-Conti e Richebourg al confine del villaggio Vosne-Romanée. I vini di qui sono intensi e la qualità è innegabile, da qui la crescente domanda. Romanée-Saint-Vivant, con i suoi molteplici proprietari, ha la possibilità di fornire bottiglie per una degustazione approfondita, con diversi vini dello stesso vigneto ma di produttori diversi. Questo dà una grande comprensione del vigneto e conferma il suo livello imponente.

Qui Domaine de la Romanée-Conti domina anche come il più grande proprietario terriero in assoluto con 5,29 ettari su 9,44 ettari. Nessun altro produttore possiede più di un ettaro a Romanée-Saint-Vivant. I migliori altri esempi provengono da Domaine Leroy (0,99 ettari), ma negli ultimi anni Arnoux-Lachaux ha anche consegnato vini pregiati da qui (0,35 ettari). Tuttavia, i migliori produttori come Hudelot-Noëllat, Dujac e Cathiard dovrebbero anche essere evidenziati per la loro capacità di creare vini eccellenti da Romanée-Saint-Vivant.

Romanée-Saint-Vivant

La Tâche

La Tâche è solo una tacca dietro Romanée-Conti in reputazione. È un vigneto che offre vini ad un livello molto superiore alla media di un buon Grand Cru. La Tâche beneficia dello stesso pendio di Romanée-Conti, poco più a sud a Vosne-Romanée. Qui, La Tâche si estende su una superficie di 6,06 ettari, quasi quattro volte più grande della Romanée-Conti.

Il vigneto fu unito per la prima volta nella sua forma attuale nel 1933, quando Domaine de la Romanée-Conti acquistò le tre parcelle esistenti e le portò sotto un unico proprietario. La Tâche è situato come un unico vigneto con una forte pendenza, creando una differenza naturale tra la parte superiore e inferiore del vigneto. Con un unico proprietario, una cuvée coerente può essere miscelata ogni anno. Negli ultimi anni, alcune delle parcelle superiori sono state ripiantate con cloni selezionati dal Domaine de la Romanée-Conti.

Per i pochi che hanno avuto modo di confrontare Romanée-Conti e La Tâche, quest'ultima appare più elegante e ariosa con un po' meno complessità.

La Tâche

Richebourg

Richebourg è considerato uno dei migliori vigneti del comune - secondo solo ai famosi vigneti monopole Romanée-Conti, La Tâche e La Romanée. Richebourg di solito produce vini con grande profondità e una lunga vita davanti a loro. La complessità è supportata da una buona finezza, che è molto tipica di questo famoso comune.

Richebourg Grand Cru è diviso tra 11 proprietari, di cui il più piccolo ha solo 0,07 ettari. È Domaine du Clos Frantin. Il loro piccolo appezzamento si trova all'estremità settentrionale del vigneto, adiacente al Premier Cru Cros Parantoux.

Il vigneto si estende su un totale di 8,03 ettari ed è diviso in due parti, Les Verroilles all'estremità settentrionale e Les Richebourgs all'estremità meridionale. Les Veroilles è leggermente più alto e quindi più fresco, il che a sua volta significa maturazione successiva delle uve. Le uve provenienti da qui saranno quindi solitamente raccolte pochi giorni dopo, quando saranno maturate in modo ottimale.

Domaine de la Romanée-Conti è il più grande proprietario terriero di Richebourg con i suoi 3,51 ettari. Questo si sviluppa su tre parcelle, il che consente di produrre un vino complesso con carattere da tutto il vigneto. Segue Domaine Leroy, che ha un appezzamento di 0,78 ettari situato tra due parcelle di Domaine de la Romanée-Conti.

La Grande Rue

La Grande Rue è un vigneto stretto. Guidando verso sud da Romanée-Conti, La Grande Rue si estende come un istmo dal villaggio di Vosne-Romanée fino alla cima di La Romanée dall'altra parte della strada. La Grand Rue è una striscia di terra che non è mai larga più di 50 metri ed è quasi parte di La Tâche. La Grande Rue è stata classificata per la prima volta come Grand Cru dal raccolto 1991.

1,65 ettari è la dimensione, ed è di proprietà come Monopole da Domaine Lamarche. La qualità non è del tutto all'altezza dei suoi famosi vicini, ma il potenziale è certamente latente. Negli ultimi anni, Lamarche ha apportato diversi miglioramenti sia al vigneto che alla cantina, quindi le speranze per le annate future sono alte.

La Romanée

La Romanée è il più piccolo Grand Cru della Borgogna con 0,85 ettari, tutti di proprietà del conte Liger-Belair come monopole. Il terreno si trova appena sopra Romanée-Conti, quindi è interessante capire quanta differenza di stile e gusto sia da attribuire al produttore e al terroir specifico qui.

Dal 2005 la terra è di proprietà, coltivata e il vino prodotto da Liger-Belair. Prima di allora, le uve venivano coltivate dal Domaine Forey, che vendeva la maggior parte del vino a Bouchard Pére & Fils, che lo immagazzinava e vendeva. Le annate recenti hanno raggiunto una qualità e una domanda molto più elevate rispetto alle annate precedenti.

La-Romanée-800x600.jpg La Romanée - Un vigneto leggendario situato appena sopra Romanée-Conti

Premier Cru a Vosne-Romanée

Anche un Premier Cru di Vosne-Romanée può regalare brividi a un amante del vino, solo a pensarci. La maggior parte di questi vigneti sono quasi sullo stesso pendio dei migliori vigneti Grand Cru. Cros Parantoux è il cuore della storia di Henri Jayer, forse il più leggendario enologo di Vosne-Romanée. La maggior parte dei vigneti Premier Cru a Vosne-Romanée si trovano nelle immediate vicinanze dei vigneti Grand Cru del comune, consentendo di ottenere grandi vini da tutti loro. Di seguito sono spiegati alcuni dei più importanti.

Cros Parantoux

Cros Parantoux è forse il miglior Premier Cru della Borgogna, che può essere attribuito ai meriti di Henri Jayer. Henri Jayer ha piantato Cros Parantoux nel 1960, ma la prima annata che ha scelto di imbottigliare con il suo nome è stata la leggendaria 1978. Successivamente, Jayer ha continuato a imbottigliare Cros Parantoux fino al 2001, che è stata l'ultima annata con il suo nome sull'etichetta. Suo nipote Emmanuel Rouget ha iniziato i suoi primi imbottigliamenti dalle viti di suo zio nel 1989. Meo-Camuzet aveva una piccola quota, che ha iniziato a imbottigliare nel 1985 e ha fatto da allora.

Il livello di qualità è confermato anno dopo anno, con i prezzi più alti di molti vini Grand Cru provenienti da vigneti vicini.

Cros Parantoux

Les Beaux-Monts

Les Beaux-Monts si estende su un'area relativamente vasta ed è una continuazione di Echezeaux. Si estende ulteriormente nella valle e più in alto sul pendio. L'altitudine leggermente più elevata può rivelarsi vantaggiosa se il tempo continua a diventare più caldo. Les Beaux-Monts, con la sua classificazione Premier Cru, non costa quanto i grandi vigneti Grand Cru. Tuttavia, offre ancora esperienze di prim'ordine, specialmente nelle migliori annate.

Il vino più famoso di Beaux-Monts proviene dal Domaine Leroy, che con 2,61 ettari è il più grande proprietario terriero. Sia Dujac che Grivot offrono ottimi vini di Les Beaux-Monts.

Les Suchots

Su una mappa, Les Suchots può essere visto come un collegamento naturale tra i vigneti Grand Cru di Echezeaux e Romanée Saint-Vivant, più in basso nel pendio della valle rispetto agli altri due vigneti. Questo spiega lo status di Premier Cru e non di Grand Cru. I vini non hanno la stessa intensità dei loro vicini, ma hanno un'eleganza e una ampiezza che giustificano il loro posto nella gerarchia.

In totale, il vigneto misura 13,08 ettari, che sono condivisi tra più di 20 proprietari, quindi le produzioni sono piccole ma l’impegno grande. Domaine Confuron-Cotetidot possiede 2,16 ettari e produce un vino classico da qui che dà il meglio nelle annate leggermente più calde. Piccole produzioni davvero belle provengono da Arnoux-Lachaux dalla cima del vigneto con 0,43 ettari. Inoltre, sia Cathiard che Liger-Belair sono molto ambiti.

Aux Malconsorts

In collegamento diretto da La Tâche, il pendio passa a Malconsorts, quindi è quasi sullo stesso terreno in cui si trova questo vigneto. Questo aiuta a sottolineare la qualità dei vini di questo vigneto. Aux Malconsorts è un superbo appezzamento di 5,86 ettari che produce vini di alta qualità. L'altra estremità del vigneto è adiacente ad Aux Boudots a Nuits-Saint-Georges, ma Aux Malconsorts mantiene ostinatamente il suo stile Vosne - molto più dello stile di Nuits-Saint-Georges.

Il vino migliore del vigneto proviene da Cathiard e dai suoi 0,74 ettari, ma sia Dujac che Hudelot-Noëllat producono anche vini impressionanti da Aux Malconsorts.

Villagge A Vosne-Romanée

Con quasi 100 ettari in Vosne-Romanée ci sono ancora molti appezzamenti che non hanno né una classificazione Premier né una Grand Cru. Tuttavia, producono uve per vini con carattere classico Vosne, finezza, ricchezza e lunghezza.

Molti dei nomi dei vigneti sono scritti sull'etichetta dai produttori, ma molto è anche imbottigliato come blend da diversi vigneti. La qualità di questi è anche di solito di prim'ordine, sottolineando gli standard in tutto il comune.

Vosne-Romanée In Conclusione

Lungo le pendici dorate della Borgogna, Vosne-Romanée brilla di più. Bei vini sono fatti a Gevrey-Chambertin, Musigny può incantare, e il castello di Clos de Vougeot è famoso in tutto il mondo, ma la qualità dei vini rossi di Vosne-Romanée è ciò di cui la maggior parte degli amanti del vino sono affamati.

Con Romanée-Conti, La Tache e La Romanée in testa, nessun comune è più forte. Quando questo è ulteriormente sottolineato da alcuni dei vigneti Premier Cru leader in assoluto in tutta la regione con Aux Malconsorts e Cros Parantoux, non ci può essere alcun dubbio. Questo comune è il leader in Borgogna, e questo si riflette nei prezzi di tutti i vini con Vosne-Romanée sull'etichetta.

Nessuno dei vigneti qui sta diventando più grande. Ciò significa che non verranno prodotte più bottiglie. Man mano che la quantità di ricchi amanti del vino cresce, molto probabilmente ci sarà un aumento della domanda per i migliori vini del mondo. I vini di Vosne-Romanée saranno in cima alla maggior parte delle liste dei desideri, in quanto forniscono i migliori vini della Borgogna.

Contatta RareWine Invest

Compila il modulo per essere contattato da noi il prima possibile